Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Governolese, tutti a rapporto dopo la figuraccia di Albino

Summit tra dirigenti, allenatore e squadra per capire le ragioni della batosta L’Asola stecca la prima, la Poggese rischia un anno di grande sofferenza

MANTOVA

La prima giornata, si sa, è un terno al lotto. Squadre deboli che vogliono partire forte per mettersi al sicuro, squadre forti ancora in rodaggio... Insomma, le indicazioni dei primi 90 minuti della stagione vanno prese con le molle. Ma ci sono squadre che sulle molle, anzi sulle spine, ci sono finite di diritto. Come la Governolese. Mai così male in 99 anni di storia, una sconfitta pesantissima ad Albino con 7 reti sul groppone. Una scoppola per una squadra che punta ad un torneo im ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MANTOVA

La prima giornata, si sa, è un terno al lotto. Squadre deboli che vogliono partire forte per mettersi al sicuro, squadre forti ancora in rodaggio... Insomma, le indicazioni dei primi 90 minuti della stagione vanno prese con le molle. Ma ci sono squadre che sulle molle, anzi sulle spine, ci sono finite di diritto. Come la Governolese. Mai così male in 99 anni di storia, una sconfitta pesantissima ad Albino con 7 reti sul groppone. Una scoppola per una squadra che punta ad un torneo importante, con vista sui playoff. Nessuno lo dice apertamente, ma nel clan rossoblù c’è una tensione palpabile. Male la Coppa Italia, pessimo l’esordio in campionato. Questa sera ci sarà la ripresa degli allenamenti. Previsto un confronto aperto tra i dirigenti (verosimilmente il dg Cominotti e il presidente Guernieri) con lo staff tecnico diretto da mister Bresciani. Al momento l’allenatore non si discute, ma è ovvio che un altro passo falso potrebbe diventare cruciale per lui. Dirigenza e staff poi parleranno con il gruppo. Un gruppo che ha evidenti problemi nella fase difensiva. L’assenza di Mariani si fa sentire (tornerà forse a fine mese). La società ha già pronta la carta da spendere per sistemare le cose. Marco Boldrini. L’ex Castiglione e Calvina sta recuperando dal lungo infortunio che lo ha limitato nella scorsa stagione. Intorno al 20 settembre avrà un controllo medico decisivo. Se sarà recuperato potrebbe aggregarsi al gruppo ed essere utilizzabile da novembre. Sarebbe un tassello importante, ma è ovvio che nel frattempo i Pirati dovranno tirare fuori quella grinta che ancora non si è vista.

In tema di brutte prestazioni in Promozione c’è da sottolineare la falsa partenza dell’Asola, battuta nettamente nel derby con lo Sporting Club. Tante le occasioni fallite dai biancorossi, ma in generale è la scarsa attenzione nella fase di non possesso palla a preoccupare.

Ci sono poi dei campanelli d’allarme davvero preoccupanti. Campanelli che hanno suonato a più riprese domenica al Comunale di Poggio Rusco dove la Poggese è stata sotterrata dalla Viruts Montichiari. Nove gol incassati, una figuraccia. La squadra biancazzurra, imbastita in fretta e furia a fine mercato, sembra essere acerba e poco predisposta per un torneo duro come quello di Prima. Sarà dura mantenere la categoria, sicuramente però la società proverà a serrare le fila per sistemare le cose.

Capitolo Seconda categoria. Partenza con brivido per la favorita Serenissima (la Medolese a conti fatti meritava il pari), bene Castellucchio e Borgo Virgilio. La vera sorpresa è la goleada della neo promossa Ceresarese in quel di Pomponesco. La squadra di Vaccari ha una rosa di livello, può diventare l’outsider nella corsa ai primi posti. Considerazioni, queste, da prendere con le molle come dicevamo in apertura. Perché alla fine sono solo i primi 90 minuti di un anno ricco di sfide. —