Quotidiani locali

Jack: mi tuffo nel rock

Il cantante verrà venerdì a Palidano e il 29 agosto a Mantova

E’ iniziato il 5 luglio a Scandiano il tour di Giacomo “Jack” Voli. Che ha sfiorato la vittoria al talent di Rai 2 “The voice of Italy” e che ora esce dalla televisione con tutta la sua carica rock. Il tour, che lo porterà l’11 luglio a Palidano ed il 29 agosto a Mantova in occasione della notte bianca, è l’occasione per un’intervista.

Quali sono i cantanti rock che ascolti di più? A proposito: somigli molto a Chris Cornell….

«Sicuramente le mie influenze principali arrivano da Freddie Mercury, per passare dai cantanti dei Toto (Bobby Kimball, Joseph Williams, Fergie Frederiksen, Steve Lukather, Jean-Michael Byron), Steven Tyler degli Aerosmith, il compianto Steve Lee dei Gotthard, David Coverdale con Ian Gillan e Glenn Hughes dei Deep Purple. Poi Stevie Wonder, Jorn Lande... potrei andare avanti un altro po’, ma ovviamente tra questi c'è anche Chris Cornell!».

Da innamorato della musica quale immagino tu sia, è stata dura partecipare ad una gara televisiva?

«Guarda, in realtà, come dico spesso, non hanno cercato di spersonalizzarmi... anzi. Hanno lasciato che fossi me stesso, e che cantassi il genere musicale che preferisco. Certamente, essendo la mia prima esperienza televisiva, ho sentito chiaramente la tensione della telecamera. Diciamo che le esperienze teatrali mi hanno aiutato, ad interpretare me stesso senza snaturarmi».

Sei uscito dal contest da vincitore morale: immagino che il bello (cioè il lavoro) inizi adesso. Cosa farai questa estate?

«Esatto: la vita comincia ora. Come si può notare sulla mia pagina facebook, pian piano sto aggiungendo date al calendario, perché è questo che farò, canterò in giro per l'Italia, con la mia band. Se poi verso settembre-ottobre ci sarà la possibilità, allora cercherò di registrare un disco».

Ci racconti come hai costruito la tua voce?

«Ho ascoltato tantissimi tipi di voce e poi ho provato a riprodurle, a volte sbagliando e facendomi male e a volte riuscendoci, imitando tutti i suoni che ascoltavo, i versi degli animali, le voci dei film e dei cartoni animati. A 17/18 anni ho cominciato ad interessarmi seriamente al canto, quello rock, e ho cominciato a prendere le prime lezioni private. Ho passato molti insegnanti, tra migliori e peggiori, e diciamo che un paio d'anni fa ho trovato la mia stabilità, ma non si finisce mai di studiare».

Sei al lavoro su una band tutta tua? Raccontaci i tuoi progetti musicali.

«Ho formato una band partendo dai musicisti coi quali suono da tanti anni;due componenti dei California Jam (tributo Deep Purple) che sono Riccardo Bacchi (chitarra - voce), e Mattia Rubizzi (tastiere e voce), uno dalla band 5150 (tributo Van Halen) che è Federico Festa (basso e cori) e infine uno dei batteristi più talentuosi che io conosca, Demis Castellari.

«Gireremo per l'Italia, dove sono stato richiesto, e scateneremo uno show indiscutibilmente rock, riproponendo i pezzi che gli italiani, e non solo, hanno apprezzato di più durante il corso del programma televisivo: passando dai Led Zeppelin al prog della PFM, dai Deep Purple ai Pink Floyd, arrivando al sound moderno degli Skunk Anansie e dei 30 Seconds to Mars. Ovviamente proporremo l'inedito firmato da Piero Pelù, e proporremo altri brani inediti».

Come hai conosciuto Francesca Zanetti, la tua fidanzata mantovana?

«E' stato un caso! Sempre se il caso esiste. Cantavo a Commessaggio, all'Antica Corte, assieme ad una band composta per poche occasioni. Durante la serata uno dei ragazzi che faceva festa mentre ci ascoltava suonare mi ha letteralmente messo in braccio una ragazza, imbarazzatissima, e le ha dato il compito di chiedermi di cantare un brano degli AcDc.

« E’ stato un attimo, ci siamo guardati solo per un secondo. Ma un paio di giorni dopo l'ho contattata su facebook et... voilà! Adesso è un anno e mezzo che stiamo assieme, e conviviamo a San Giorgio di Mantova. E' una ragazza eccezionale, se non fosse per lei non so se sopporterei da solo il peso di tutto ciò che sta succedendo, e devo ringraziarla per ogni secondo che condivide con me! E' un’artista anche lei, perciò sarà la prima fan a urlare sotto il palco». (e.c.)

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista