Quotidiani locali

mantova

Lo spettacolo dell'arte alla Corte rinascimentale

Palazzo Te: sabato alle 17.30 in scena la performance che ruota intorno al mito di Amore e Psiche

MANTOVA. Nella villa giuliesca un tuffo nell’arte e nel teatro. Per chiudere le feste all'insegna della bellezza l’associazione Segni d'infanzia organizza infatti un evento straordinario in programma sabato 7 gennaio alle 17.30 a Palazzo Te. Amore e Psiche: lo spettacolo dell'arte alla Corte rinascimentale è infatti il titolo dell’evento ideato e realizzato dall'associazione mantovana in collaborazione con Centro Studi Leon Battista Alberti e Museo Civico di Palazzo Te, che accompagna gli spettatori attraverso un percorso nel quale rivive la Corte del Rinascimento come luogo del racconto e dell'arte. L’evento è organizzato nell'ambito della proposta turistica - culturale del Museo Urbano Diffuso (Mudi) promossa dal Comune di Mantova.

«L'evento - anticipano gli organizzatori - ruota intorno al mito di Amore e Psiche che prende vita “fra scalpello e pennello”. Raccontato nei secoli da diversi artisti, pittori e scultori, da Bouguereau a David, da Canova a Raffaello, fino a Giulio Romano che proprio a Palazzo Te ha lasciato una delle più complesse ed esaustive raffigurazioni nel ciclo di affreschi custodito nell'omonima Sala, il mito si fa favola moderna nella narrazione dell'attrice Sara Zoia». Attrice formatasi al Piccolo Teatro di Milano e reduce dal successo de L'opera da tre soldi di Michieletto - dove ha recitato accanto a Peppe Servillo e a Rossi De Palma - Sara Zoia accoglierà i visitatori nella Camera di Amore e Psiche per un'inedita esplorazione e racconto del mito con rimandi a famose opere d'arte e alle scene affrescate. La storia è stata riscritta da Cristina Cazzola, direttore artistico di Segni d'infanzia, con la collaborazione di Lucio Diana come un grande laboratorio d'arte per bambini, adulti e ragazzi, facendo emergere i numerosi archetipi delle fiabe tradizionali che il mito contiene: dal tema delle sorelle gelose di "Cenerentola" a quello del bacio che risveglia dall'incantesimo che ritroviamo anche nella "Bella addormentata".

«Un evento unico - concludono - che permette di godere di uno dei luoghi simbolo della città e di riscoprire e riascoltare una delle più belle "favole" che ha ispirato in particolar modo l'arte del Rinascimento». Per famiglie, bambini e ragazzi a partire dai 6 anni.Evento ad ingresso gratuito. Posti limitati, richiesta la prenotazioni: 0376.1511955 ,segreteria@segnidinfanzia.org. Info www.segnidinfanzia.org

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista