Quotidiani locali

mantova

Crociera Fitzcarraldo. Lirica tra terra e acqua  

Il 6 e 7 maggio tour gratuito e notte in tenda a Sparafucile

MANTOVA. Mantova come Manaus, Grazie come il villaggio di Iquitos, il coccodrillo ci può stare e il Mincio scorre nella foresta pluviale a mo’ di Rio delle Amazzoni. Siamo tra il film di Werner Herzog, con Klaus Kinski che vuole portare l’opera lirica e Enrico Caruso tra gli alberi di caucciù, e l’avventura che 40 persone - 20 sono già iscritte, quindi bisogna affrettarsi, giovedì i giochi sono fatti - potranno vivere gratis sabato e domenica 6 e 7 maggio con notte in tenda a Sparafucile. Domanda di adesione su www.pantacon.it da spedire compilata a segreteria@pantacon.it, attendendo conferma, c’è selezione.

Il caucciù è quello delle scarpe da ginnastica-trekking, obbligatorie insieme a tenda, sacco a pelo, tappetino gommapiuma, macchina fotografica, videocamera e quaderno appunti. Disponibilità all’avventura per poi raccontarla con un video, fotografie, un racconto, disegni eccetera. Il programma di Opera Fitzcarraldo, crociera lirica tra acqua e città è stato presentato il 28 aprile in Santagnese10 dal presidente Pantacon Matteo Rebecchi e da Diego Devincenzi della Coop. Zero Beat cui si deve l’organizzazione artistica del progetto.

Inconsueto, perché tutto suona anticonvenzionale nel gustare luoghi, cibi e ovviamente musica lirica, leitmotiv della scorribanda fluviale. Di gita o escursione in senso stretto non si può parlare. Il ritrovo è sabato 6 mattina alle 9 sul sagrato del santuario delle Grazie: ingresso e subito alle 9.30 i ragazzi del Conservatorio Campiani daranno vita al preludio in musica. Poi ci si imbarca e si ammira flora e fauna a cura della Coop. Alkémica onlus.

Attracco alle 11.30 sulla sponda del lago Superiore presso il chiosco Zanzara dove, prima del pranzo, il baritono Tiziano Tassi e la pianista spagnola Marta Espejo Valdez, residente a San Benedetto Po, proporranno brani di Mozart, Donizetti, Verdi, Umberto Giordano, Puccini. Trasferimento a piedi a palazzo Ducale: dalle 15.30 gli interventi lirici saranno a cura del Teatro Magro nella sala degli Specchi, e del Conservatorio Campiani in quella di Manto all’insegna di Monteverdi, a cura di Ilaria Geroldi, con florilegi dall’Orfeo, dal Lamento di Arianna e altre squisitezze accompagnate dal clavicembalo. Ore 18: passeggiata in centro e “aperitivo lirico”. Alle 19.30 tutti a Sparafucile, a piedi, e preparazione dell’accampamento per la notte.

Cena all’aperto (si confida nel tempo buono, padano, non amazzonico) e prima della “Buonanotte con luna sul lago” (si va verso il plenilunio) due interventi ludici: “Il Barbone di Siviglia” col burattinaio Giorgio Gabrielli e “Darsi delle Arie” con Tiziano Tassi e la compagnia teatrale gli Spavaldi. Notte in tenda. Sveglia alle 7 e “Esercizi yoga per voce e corpo”, a digiuno, a cura del logopedista Marco Cantieri. Colazione e a piedi al Museo Archeologico Nazionale: appuntamento alle 10 col soprano Carla Maria Izzo, romana ma abita in territorio mantovano.

Alle 11.30 al Museo Nazionale dei Vigili del Fuoco un omaggio al genio di Mozart a cura della Nuova Scuola di Musica, col baritono Marco Galifi, il soprano Diana Rosa Cardena e la pianista Kanoko Minematsu. Pranzo alll’Arci Salardi. Alle 15, all’auditorium Monteverdi del Campiani l’incontro con Enzo Dara nel segno dell’opera “Dal Sublime al Ridicolo”, con collaborazione del direttore d’orchestra Giovanni Pavesi. Visita ai locali del Conservatorio prima del trasferimento a Belfiore con imbarco per Grazie. Sbarco alle 18.30 e saluto lirico prima del commiato.
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista