Quotidiani locali

Vai alla pagina su New Noise
Modena City Ramblers. Tutti i brani in un libro 
canzoni e parole

Modena City Ramblers. Tutti i brani in un libro 

È nato a Castiglione il volume definitivo su una band che ha fatto storia. L’autore Susara racconta un viaggio unico, dall’Emilia al Sud America

CASTIGLIONE. «Dicono che son solo canzoni, ma poi tutti le cantano» diceva un vecchio brano di Renzo Arbore e Nino Frassica intitolato “Grazie dei fiori bis”. Fino al Nobel di Bob Dylan poteva davvero essere come cantavano i due mattatori di “Indietro tutta”, ma dallo scorso gennaio le cose sono cambiate e la musica, opera, diventa a tutti gli effetti un genere letterario fatto di parole e musica. Da questo assunto parte la ricerca che Carlo Susara, appassionato di musica e di Irlanda, ha condotto nel suo monumentale Storie Ramblers - Personaggi, esperienze, suggestioni nelle canzoni dei MCR pubblicato dalla piccola casa editrice di Castiglione delle Stiviere PresentARTsì. «Il libro è nato grazie a Castiglione - ricorda in una presentazione Carlo Susara - perché i mie primi approcci a questo mondo musicale, oltre all’ascolto ovviamente, avvengono grazie al mensile castiglionese La Civetta dove pubblico i miei primi articoli dedicati ai Modena City Ramblers».

Negli anni Susara conosce il gruppo, diventa collezionista di materiale introvabile (ep, cassette, singoli, cd), conosce i componenti della band con cui stringe un’amicizia vera, che va al di là delle semplice passione musicale.

L’idea del libro arriva di conseguenza, ma è un lungo percorso. «Il lavoro svolto in questo libro - afferma Susara - è stato quello di creare un percorso fra le storie contenute nei testi, cercando di palesare quello che spesso, per stare all’interno di una canzone, viene solo accennato». Il libro, dunque, non è una biografia con storia e cronologia del gruppo, ma delle canzoni del gruppo. Susara organizza il lavoro album per album, indicando tutti i credits e i musicisti che partecipano al lavoro, per poi passare alla storia ragionata di ogni singola canzone. Agli aneddoti si aggiunge, ed è la parte più sostanziosa e che rende particolare questa pubblicazione, il retroterra di ogni singolo brano: cosa lo ispira, quali sono i riferimenti, di chi si parla e perché.

«Capita così, scorrendo le pagine - racconta Susara - di trovarsi a viaggiare assieme a Emiliano Zapata o Nestor Serpa Cartolini, di leggere in merito ad Enrico Mattei e trovare subito dopo Pinelli; si racconta di Bon Senders come di Peppino Impastato. Tutto scorre in questo sincretismo culturale, in questa santeria laica: le canzoni dei Modena City Ramblers sono al tempo stesso il motore di questo lavoro e il carburante, sono la passione che alimenta la conoscenza, sono la poesia delle lacrime per i torti subiti e di quelle versate quando c’è da festeggiare».

Il libro costa 14 euro ed è un volume di 480 pagine che parte dai primi ep e cassette passando in rassegna tutti gli album. «Leggere “Storie Ramblers” è come viaggiare in una via Emilia che passa dall’Irlanda, per proseguire in Sud America e diramarsi poi fra quelle terre dove ci sono frontiere da superare, muri da abbattere, speranze da ascoltare. A chi legge questo libro si augura buon viaggio - conclude Susara - perché leggere queste storia significa naufragare dolcemente in un mare di consapevolezza». Sulla pagina Fb della casa editrice presentARTsì si troveranno presto le date delle presentazioni nel Mantovano.
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista