Quotidiani locali

CURTATONE

L’invasione dei 100mila per le Grazie

Visitatori pronti per l’evento record, in cantiere il nuovo rondò per la sicurezza e le aree ecologiche

CURTATONE. Taglio del nastro, ieri 12 agosto, rallegrato da una lieta novella per la 559esima edizione dell’Antichissima Fiera della Grazie. La festa d’estate più amata dai mantovani si è aperta, nell’anfiteatro naturale delle Valli del Mincio, tra i colori di centinaia di fior di loto, accarezzati, per l’occasione, dalle note del quartetto d’archi dell’orchestra dei Colli Morenici.

Un’atmosfera da fiaba, resa ancor più piacevole da un annuncio altrettanto favoloso: l’imminente avvio dei lavori di costruzione dell’attesissima rotatoria di Grazie. La notizia è stata data durante la cerimonia di inaugurazione dal vicepresidente della Provincia, Alberto Borsari: «A gennaio metteremo in cantiere l’opera, con la speranza di riuscire a completarla prima della prossima fiera delle Grazie – ha annunciato –. Non sarà facile concludere i lavori entro agosto 2018, ma faremo il possibile per raggiungere questo obiettivo».

 

leggi anche:

Il rondò risolverà i problemi di sicurezza di uno degli incroci più temuti dagli automobilisti mantovani: l’intersezione tra la Padana Inferiore e l’Asolana. L’opera verrà a costare un milione e 50mila euro. La Provincia finanzierà gran parte dei lavori, stanziando una quota di 800mila euro, mentre i restanti 250mila verranno messi sul piatto da Curtatone e dai Comuni limitrofi. «Utilizzeremo parte dei fondi del patto per la Lombardia – ha aggiunto Borsari – Considerate le ristrettezze economiche con cui l’amministrazione provinciale deve fare i conti, si tratta di un impegno importante». «Curtatone sarà capofila di una cordata a cui mi auguro si aggiungeranno i Comuni confinanti» ha aggiunto il sindaco Carlo Bottani.

Alla cerimonia hanno partecipato numerose autorità: dal prefetto Carla Cincerilli al deputato Pd Marco Carra, passando per il colonnello Fabio Federici (comandante provinciale dei Carabinieri) il presidente del Parco del Mincio Maurizio Pellizzer, il vescovo emerito Egidio Caporello e molti amministratori locali. Presente anche il consigliere regionale Annalisa Baroni, che ha svelato il suo legame speciale con la fiera: «Ogni ferragosto, alle 5 del mattino, raggiungo il piazzale del Santuario per assistere al sorgere del sole insieme ai madonnari: è un momento magico ed insostituibile, che per me vale più di qualsiasi vacanza».

Nel suo intervento il sindaco non ha nascosto l’emozione che ogni anno prova nell’aprire l’antica festa dell’Assunta: «Alla vigilia di Ferragosto, reintrodurremo l’antica usanza del rosario in musica – ha annunciato –. Da lì partiremo per costruire un ponte spirituale, culturale e politico che colleghi il borgo di Grazie al resto del mondo». Nei giorni della fiera, a Grazie sono attesi oltre 100mila visitatori. Per garantire igiene e decoro per le strade del borgo, il Comune, di concerto con Aprica, ha incrementato i punti di raccolta dei rifiuti, introducendo piccole isole ecologiche.


 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics