Quotidiani locali

manifestazioni

Castellaro, folla per i buskers sempre più internazionali

Successo degli spazi per le famiglie, più che dimezzato il costo d’ingresso. E per il 2018 si annunciano sorprese: tre filoni per coprire l’intera estate

CASTELLARO LAGUSELLO. Fortunatamente, la seconda giornata del “Castellaro Buskers – Musiche dal mondo”, ha visto una situazione meteorologica più clemente rispetto a quella registrata sabato 2 settembre, il quale ha permesso la buona riuscita della manifestazione, con un’ottima affluenza, così come confermato dagli organizzatori. Un evento, appunto, giunto alla sua ventiduesima edizione, ma che quest’anno, ha visto il punto di svolta. Più che artisti di strada, le antiche mura del borgo hanno ospitato melodie uniche provenienti da alcune regioni italiane e, soprattutto, da quasi ogni angolo del pianeta, portando con sé, ritmi e colori, unici e affascinanti.

Tra questi, è doveroso sottolineare la presenza della carica esplosiva della Banda di Piazza Caricamento, formata da musicisti immigrati, la travolgente Gipsy Orkestar di Eusebio Martinelli con le musiche balcaniche e la tradizione delle ballate russe, oltre al fado portoghese e le arpe celtiche.

Particolarmente gustosi gli stand gastronomici, i quali hanno proposto i piatti tradizionali mantovani (a partire dal locale e ben noto “fugasì”), affiancati da prelibati assaggi della cucina salentina, quest’ultima, inserita tra le novità del 2017.

I visitatori, hanno potuto sperimentare l'invito a scattare un selfie con l’hashtag #Ilovecastellaro, grazie a un simpatico adesivo consegnato all’ingresso; mentre hanno ottenuto un buon riscontro gli spazi dedicati alle famiglie e ai bambini con divertenti laboratori, in cui i piccoli si sono cimentati nei giochi e nelle performance dei veri artisti di strada.

Insomma, quella andata in scena nel fine settimana è stata una kermesse dal taglio innovativo anche sotto il profilo dei costi. Rispetto agli anni scorsi infatti, l’entrata costava di meno, passando da 5 euro a 2. «Una scelta fatta per garantire una maggiore partecipazione - ha osservato l’assessore al turismo Davide Raja -, atta anche a incrementare l’attività delle imprese ricettive e ristoratrici locali».

Ora non resta che aspettare il 2018 che, su questo evento, riserverà non poche sorprese: verrà suddiviso in tre filoni specifici, ha anticipato Mario Bellini, il curatore tecnico, che copriranno tutta la stagione estiva.

Ricordiamo, infine, che il “Castellaro Buskers – Musiche dal mondo”, è stato organizzato da Fondazione Città di Monzambano, in collaborazione con l’amministrazione comunale guidata dal sindaco, Giorgio Cappa, e con il prezioso supporto di numerosi volontari locali.

Elisa Turcato
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista