Quotidiani locali

L'APPUNTAMENTO

Franceschini a Mantova per presentare il suo romanzo

Il ministro sarà con “Disadorna e altre storie” l’8 novembre alla Ibs+Libraccio. "La politica è servizio, la scrittura è libertà". Nel suo nuovo lavoro una serie di storie differenti: da uno scrittore sudamericano che ritrova l'ispirazione andando nel Delta del Po a un ragno che tesse la sua tela attorno a un magistrato all'inaugurazione dell'anno giudiziario  

MANTOVA. Mercoledì 8 novembre alle 18, alla libreria Ibs+Libraccio di via Verdi a Mantova, si terrà la presentazione dell’ultimo libro di Dario Franceschini, Disadorna e altre storie (edito da La Nave di Teseo di Elisabetta Sgarbi).  Insieme con l’autore, interverrà il direttore della Gazzetta di Mantova, Paolo Boldrini.

L’opera del ministro dei Beni culturali racconta di uno scrittore sudamericano che si trasferisce in una stanza sul delta del Po e lì ritrova l'ispirazione; di un 98enne che si fa prescrivere il viagra perché ha deciso di fare un figlio dopo una vita da scapolo impenitente; di una famiglia che scopre improvvisamente che il nonno analfabeta 85enne sa suonare il violino. Sono venti storie diverse (tra le tante anche quella di un ragno che tesse la sua tela attorno a un magistrato durante un noioso e lunghissimo discorso all'inaugurazione dell'anno giudiziario) che confermano la vena sognatrice, una sorta di realismo magico tutto padano, ma anche il tono ironico e disincantato della sua scrittura.

La politica «è servizio, la scrittura è libertà», ha spiegato Franceschini presentando i suoi romanzi, «la fortuna di scrivere sta nel mettersi dentro tante vite, è l’espressione massima di libertà». L’esordio alla narrativa è del 2006 con Nelle vene quell'acqua d'argento, premiato in Francia (Premier Roman di Chambery) e in Italia (premio Opera Prima città di Penne e Premio Bacchelli). Nel 2007 arriva La follia improvvisa di Ignazio Rando, ambientato nella sua Ferrara nel periodo fascista. Del 2011, pubblicato da Bompiani, è Daccapo, ambientato a Ferrara, dove Iacopo, unico figlio del notaio Ippolito Dalla Libera, torna per un viaggio pieno di emozioni alla scoperta di un segreto rivelatogli dal padre morente. Nel 2013 esce infine Mestieri immateriali di Sebastiano Delgado. Tutti i romanzi sono stati tradotti in Francia da Gallimard.
 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista