Quotidiani locali

segni d'infanzia

Segni saluta la chiocciola: arriva l’aquila

Svelato l’animale simbolo del 2018. La rassegna chiude con 15.000 biglietti venduti e una stima di 30 mila presenze totali

MANTOVA. Mentre cadeva una forte pioggia, domenica sera alla Loggia del Grano è calato il sipario sulla dodicesima edizione di Segni New Generation Festival. La chiocciola è uscita lentamente di scena per passare il testimone all’aquila, animale simbolo della prossima edizione. Per la direttrice artistica Cristina Cazzola e il suo staff, è tempo di bilanci. Secondo i dati, diffusi come da tradizione dall’associazione, il festival è stato un vero successo: 15mila biglietti venduti e 30mila presenze totali.

«Siamo molto soddisfatti - ha commentato Cristina Cazzola – nove giorni di festival sono tanti, ma tutti, indipendentemente dal loro ruolo, hanno avuto la possibilità di goderselo pienamente dall’inizio alla fine». Il maltempo ha modificato il programma soltanto in parte con l'annullamento di due eventi di minor rilievo e una “passeggiata” dell'elefante Hathi un po' più breve rispetto a quella di sabato in piazza Sordello. La serata di chiusura si è aperta con una new entry per quanto riguarda l'intrattenimento musicale: a rendere l'attesa più piacevole nonostante il freddo, oltre alla Street band Funkasin, ci ha pensato anche la band dei Braves con il suo repertorio rock.

Alle 19 precise, la compagnia catalana del Centre Titelles di Lleida ha dato il via al suo spettacolo con la costruzione dell'elefante Hathi sotto una musica strumentale indù. Con grande gioia di grandi e piccini che hanno creato un vero e proprio corteo, gli artisti hanno poi fatto nuovamente “passeggiare” l'elefante nelle vicinanze della Loggia e provveduto successivamente alla cura e alla “pulizia” dell'animale. Come sabato sera, la compagnia ha ritenuto opportuno sensibilizzare il pubblico ad un messaggio etico tradotto in varie lingue, colonna portante della loro performance: «Ogni quindici minuti, un elefante viene ucciso per l'avorio. Rispettiamo la vita, rispettiamo la Terra». L'edizione di Segni New Generations Festival si è chiusa ufficialmente con l'intervento di Cristina Cazzola che, visibilmente emozionata, ha ringraziato il suo staff, letto alcuni messaggi scritti dalle persone che hanno contribuito al successo dell'evento e, soprattutto, ha svelato l'identità dell'animale simbolo del 2018. La scelta dell'aquila non è stata casuale: «Nella storia- ha spiegato Cazzola - questo animale rappresenta la potenza e noi crediamo nella potenza della cultura».

Giulia Biumi
 

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista