Quotidiani locali

Luaz guarda all’estero con un concept album

Già in rete “Rebirth”, il video che sarà inserito nel futuro “just Ink” Il cantante di San Giorgio è prodotto da Cosmophonix di Buscoldo

Andrea Luani, in arte Luaz, fonde insieme il calore della voce di Dave Graham e di Matthew Bellamy, e la creatività rarefatta di Tom Yorke dei Radiohead. Provare per credere con il video Rebirth su YouTube. «Il progetto Luaz nasce sostanzialmente 2 anni fa ideato da me - racconta Andrea Luani alla voce ed effettistica vocale -, e prodotto da Cosmophonix Production. Sono nato, cresciuto e mi piace stare a San Giorgio di Mantova. Nonostante la mia pretesa di sbarcare con la musica oltre i confini italiani ho sempre avuto a cuore il mio piccolo paese tranquillo».

La passione per la musica nasce da lontano, «canto da quando ho 8 anni (o da che ho memoria) e ho studiato canto moderno per, penso, 6 anni sotto quattro valide ali protettrici: in primis quelle di Gabriele Gozzi alla Modern Music Insitute (Mmi) di Castellucchio e poi quelle di Luisa Malaspina a DbSound&Music, due insegnanti senza i quali ora non potrei nulla». Per tutto il resto Luaz è autodidatta.

Con il nome Luaz (Luaz & Cosmophonix production), dunque, sta lavorando a un Concept album, un’idea nobile in un mondo dominato da singoli e playlist, «e credo proprio che mi terrà occupato ancora tutto il 2018 o almeno buona parte». I sogni non mancano perché in passato Luaz non si è risparmiato, registrando molto e spesso anche come “presta voce”. «Ho tante cose chiuse nel cassetto virtuale del mio computer, ma le idee non mancano».

Il progetto che vede impegnato Luani, dunque, viene dal contemporaneo, «viene da un malcontento generico che risiede molto probabilmente in ognuno di noi, o forse ancora più in chi è simile a me. In un mondo in costante movimento e scoperta cerchiamo di spiccare il più possibile, affogando nell'amara tristezza che abbiamo di fronte a noi intere galassie di avversari e competitor. Vogliamo essere diversi, speciali, tutto tranne normali e dimentichiamo che siamo solo un piccolo granello di sabbia nella clessidra del tempo, solo inchiostro in un gigantesco libro che nessuno conosce davvero. Ed è da qui che ho deciso l'origine del concept, chiamato appunto Just Ink. Da qui il mio voler eviscerare alcuni temi a mio avviso doverosi e interessanti, il tutto spaziando il più possibile con suoni ricercati e mai casuali, complice la bravura indiscussa del duo Gianvito Vizzi e Max Kleinz che curano la maggior parte del progetto accontentando al meglio i miei capricci musicali. Rebirth è il primo singolo di Just Ink già in rete da qualche mese che snocciola il tema del “successo non successo”, delle insoddisfazioni e del mio personale modo di dover vivere in una società che non dà troppi meriti, purtroppo». Nel Dna musicale di Luaz c’è il metal in gioventù ma ora, afferma Luani, «Luaz si nutre di una buona fetta di musica elettronica; artisti del calibro di Jack Garrat, Moderat/Apparat, Sohn e tantissimi altri. Se dovessi indicare il singolo direi senza tanto pensarci Caparezza, poeta indiscusso».

La passione però per la musica italiana non manca e fra questi Luani segnala IoSonoUnCane, Cosmo, Calcutta, «tutti artisti notevoli che trovano (ma spero di sbagliarmi) poco spazio». La sede della Cosmophonix Production è a Buscoldo (www.cosmophonix.com/), una realtà giovane da scoprire.

Luca Cremonesi

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori