Quotidiani locali

relax

Un libro per voi: Vista con granello di sabbia di Wislawa Szymborska

Uno spazio dedicato alla lettura. Non recensioni ma consigli, di pagine da scoprire, da riaprire, da godersi. Potete seguire Silvia anche su Instagram all'account @silvia_tra_le_righe

MANTOVA. Già premio Nobel nel 1996, Wislawa Szymborska in Italia conobbe la fama solo in coincidenza della morte - avvenuta in una frizzante giornata del febbraio 2012.

Perché Wislawa piace così tanto anche a chi non è avvezzo alla poesia? Perché in versi liberi canta, con una dolcezza e una soavità senza paragoni, le cose della vita quotidiana stravolgendo e ribaltando le prospettive e i punti di vista.

In anni di letture non ho mai trovato in nessun altro poeta, vivente o deceduto, italiano o straniero, versi tanto avvincenti e appassionati come questi di Wislawa. Da un po' di tempo le sue poesie stanno impazzando (a ragione) sui comodini di mezzo mondo, anche su quelli dove spesso per la poesia non c'é stato spazio. Caratteri fondamentali della poesia di questo premio Nobel polacco: un amore smisurato per la vita, per le piccole-grandi gioie quotidiane che ritornano a noi identiche appena leggiamo solo qualche pagina. Wislawa tratta con soavità i grandi temi universali: la vita con la memoria e con il passato, i sentimenti, la perdita. Nei suoi versi non si avvertono parole giudicanti e non si percepisce superbia ma solo un incommensurabile compassione per le vicende dell'uomo e del mondo.

Se la poesia ha uno scopo, questo sarà permetterci di riconoscerci tra le righe, aiutarci a dare parole ai nostri travagli quotidiani, infondere bellezza dove bellezza spesso non vediamo, eppure c'é. E da ultimo: farci sentire meno soli, appartenenti al genere umano, accomunati tutti quanti dallo stesso desiderio vitale di assaporare la felicità.

Di  seguito una delle poesie più rappresentative, intitolata "Amore a prima vista".

"Sono entrambi convinti
che un sentimento improvviso li unì.
E' bella una tale certezza
ma l'incertezza è più bella

Non conoscendosi, credono
che non sia mai successo nulla tra loro.
Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi
dove da tempo potevano incrociarsi?

Vorrei chiedere loro
se non ricordano -
una volta un faccia a faccia
in qualche porta girevole?
uno "scusi" nella ressa?
un "ha sbagliato numero" nella cornetta?
- ma conosco la risposta.
No, non ricordano.

Li stupirebbe molto sapere
che già da parecchio tempo
il caso stava giocando con loro.

Non ancora del tutto pronto
a mutarsi per loro in destino,
li avvicinava, li allontanava,
gli tagliava la strada
e soffocando una risata
si scansava con un salto

Vi furono segni, segnali,
che importa se indecifrabili.
Forse tre anni fa
o lo scorso martedì
una fogliolina volo via
da una spalla a un'altra?
Qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
Chissà, era forse la palla
tra i cespugli dell'infanzia?

Vi furono maniglie e campanelli
su cui anzitempo
un tocco si posava sopra un tocco.
Valigie accostate nel deposito bagagli.
Una notte, forse, lo stesso sogno,
subito confuso al risveglio.

Ogni inizio infatti
è solo un seguito,
e il libro degli eventi
è sempre aperto a metà".

{Wislawa Szymborska - Vista con granello di sabbia}

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro