Quotidiani locali

Alla scoperta delle donne di casa Gonzaga

Con l’Avis in Santagnese10 il 23 iniziano le conferenze. Il 3 giugno visita conclusiva a Palazzo Ducale

L’Avis fa cultura. La cultura fa sangue. Cercasi donatori e donatrici. «Senza sangue si fermano gli interventi chirurgici e i trapianti», dice Maura Scapi, presidente Avis comunale Mantova che nello spazio Santagnese10 (in via Sant’Agnese, tra via Cavour e vicolo Bonacolsi) promuove il ciclo di tre incontri La passione scorre nelle vene con l’obiettivo di fare il pieno.

Il primo incontro è venerdì 23 alle 18.30. Incontri al femminile, ingresso libero, tenuti da Federica Pradella, guida turistica, che ieri ha presentato il programma insieme a Maura Scapi nella sede Avis, nel padiglione 18 A dell’ospedale Poma.

Al centro le donne Gonzaga – madri, mogli, sorelle – impegnate su tre versanti: matrimonio, potere politico e committenza di opere d’arte. Donne spesso sottotraccia nella storia ufficiale, per non dire assenti. Se non quando presero prepotentemente la scena, come nel caso di Isabella d’Este. O della povera Agnese Visconti, fatta decapitare dal marito. Poi le altre: Margherita Farnese, Eleonora de’ Medici, Margherita Paleologo, Giulia Gonzaga, Paola Malatesta, Eleonora d’Austria, Margherita Gonzaga. Escluse le due “gobbine” della Camera degli Sposi, Susanna e Dorotea, figlie del marchese Ludovico Gonzaga e di Barbara di Brandeburgo. Le tapine, scartate per matrimonio, umiliate da visite mediche, menarono vita grama. A parte questo assillo, Barbara e Ludovico piazzarono bene gli altri numerosi rampolli. L’Avis ha scelto le donne anche perché, a Mantova, le donatrici di sangue sono la metà dei donatori. La “cultura del dono” passa attraverso le vicissitudini di donne che – con esiti particolari per ognuna, lieti o segnati dal dolore – contraddistinsero diversi capitoli della storia di Mantova dei secoli passati. Grazie a due di loro – Margherita Gonzaga d’Este e Paola Malatesta – furono erette le chiese di Sant’Orsola e di Santa Paola. Dopo l’incontro del 23 marzo, i successivi sono – stesso luogo e stessa ora – il 20 aprile e l’11 maggio. Infine, il 3 giugno, prima domenica del mese con ingresso gratuito ai musei, ci sarà una visita guidata a Palazzo Ducale: dalle 16.30 per un paio di ore si potranno ammirare i ritratti delle donne dipinte nel testo delle conferenze. Per diventare donatori di sangue: avis.mantova@tin.it, tel. 0376 363939.

Gilberto Scuderi

TrovaRistorante

a Mantova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro