Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Mantova, dalle Pescherie a piazza Castello tra arte, luci e installazioni

Stasera, 29 agosto, il via con Zerobeat. Poi Teatro Magro porterà in scena il corteo di Isabella d’Este

MANTOVA. Festa per i dieci anni di Mantova e Sabbioneta promosse dall’Unesco a patrimonio mondiale dell’umanità. Stasera, 29 agosto, tutti sono invitati alle 21.30 alle Pescherie di Giulio Romano per uno spettacolo molto scenografico dedicato a Mantova nata sull’acqua dei laghi e attraversata dal Rio che li collega. Finestre, archi ed elementi architettonici saranno sottolineati attraverso una videoinstallazione realizzata da Zerobeat, per la regia di Roberto Pavani e Matteo Codognola, con l ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MANTOVA. Festa per i dieci anni di Mantova e Sabbioneta promosse dall’Unesco a patrimonio mondiale dell’umanità. Stasera, 29 agosto, tutti sono invitati alle 21.30 alle Pescherie di Giulio Romano per uno spettacolo molto scenografico dedicato a Mantova nata sull’acqua dei laghi e attraversata dal Rio che li collega. Finestre, archi ed elementi architettonici saranno sottolineati attraverso una videoinstallazione realizzata da Zerobeat, per la regia di Roberto Pavani e Matteo Codognola, con le musiche di Carlo Cialdo Capelli.

L’acqua è il punto di partenza e da una goccia si svilupperanno forme stilizzate geometriche che alludono alla città gioiello del Rinascimento. Le Pescherie, costruite sull’acqua come un ponte, sono state scelte come uno dei punti più significativi di Mantova, ritrovato per i cittadini grazie al progetto di recupero voluto dagli Amici di Palazzo Te e dei musei mantovani. E dalle Pescherie, alle 21.15, partirà Isabella d’Este, interpretata da Gioia Colombo, attrice di Teatro Magro, accompagnata da un corteo di una ventina di performer. La regia è di Flavio Cortellazzi. Una coreografia che si ispira alla marchesa che più ha dato lustro ai Gonzaga con la sua passione per l’arte, il collezionismo e i rapporti che intratteneva con i più importanti pittori e poeti del Rinascimento, compreso Leonardo da Vinci.

Nello stile particolare del Teatro Magro, la passeggiata punta a valorizzare il patrimonio storico artistico e indurre alla sua tutela. Il pubblico potrà così seguire il corteo e arrivare in piazza Castello, dove la storia di Mantova tra acqua e architettura sarà al centro dello spettacolo, realizzato con la tecnica del videomapping da Sensitive Mind in collaborazione con Zerolab, che animerà le tre facciate della piazza esclusa quella con l’esedra che introduce al castello di San Giorgio. Qui la regia dello spettacolo è di Pietro Grandi e Marco Bonzanini. Ancora musiche di Carlo Cialdo Capelli. Il percorso artistico del Teatro Magro si concluderà in piazza Castello attorno alle 22.15.

Le videoinstallazioni si potranno ammirare fino alle 23.30, saranno infatti riproposte in loop. Zerbeat, con sede a Quingentole e spazio a San Benedetto Po, e il Teatro Magro di Mantova fanno entrambi parte del consorzio Pantacom e già da anni collaborano a progetti comuni. Lo spettacolo viene offerto dall’Ufficio Unesco Mantova-Sabbioneta