Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Tracce d’Africa e dal deserto Maver stasera alle Bertone

Il virtuoso del bandoneon alle 21 sarà sul palco con il chitarrista Alberto Capelli L’artista: «Nella mia musica si possono sentire richiami di molte terre lontane»

Dal Sahara al Parco Bertone. Punto di partenza e destinazione finale coincidono nel viaggio delle cicogne, che partono dal deserto e raggiungono Goito nelle annuali migrazioni verso nord, e di Carlo Maver, musicista che il Sahara lo ha attraversato a dorso di cammello e che questa sera alle 21 sarà protagonista di un concerto alle Bertone. L’artista si racconta in questa intervista prima della serata musicale.

IL FASCINO DEL BANDONEON

Tracce d'Africa e dal deserto è il titolo dell'appuntament ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Dal Sahara al Parco Bertone. Punto di partenza e destinazione finale coincidono nel viaggio delle cicogne, che partono dal deserto e raggiungono Goito nelle annuali migrazioni verso nord, e di Carlo Maver, musicista che il Sahara lo ha attraversato a dorso di cammello e che questa sera alle 21 sarà protagonista di un concerto alle Bertone. L’artista si racconta in questa intervista prima della serata musicale.

IL FASCINO DEL BANDONEON

Tracce d'Africa e dal deserto è il titolo dell'appuntamento inserito nel ciclo “Musica sulle ali delle cicogne”. Maver è un virtuoso del bandoneon, un tipo di fisarmonica resa celebre da Astor Piazzolla. «Io nasco flautista - racconta l'artista - Ho avuto la fortuna di suonare con Daniele Di Bonaventura, maestro del bandoneon, e ne sono rimasto affascinato. Ho deciso di fare un salto nel buio - aggiunge l’artista - e ho scoperto un mondo che non conoscevo, visto che i miei ascolti principali erano legati al jazz. In artisti come Piazzolla e Saluzzi ho trovato anima e sentimento. Alla fine sono finito in Argentina dove sono diventato allievo proprio di Saluzzi. Un uomo che per me è diventato una sorta di guida spirituale».

LA SERATA

Sul palco delle Bertone, Maver si esibirà con il chitarrista Alberto Capelli in un repertorio di composizioni originali. Moltissime le influenze, dal tango alla musica mediterranea, dal jazz alle contaminazioni africane. «Amo la musica dei popoli. Ho sempre viaggiato molto e ho sempre cercato di portare a casa impressioni e sensazioni da tutti i posti che ho visitato. Nella mia musica si possono sentire richiami di molte terre lontane».

DIARIO DI VIAGGIO NEL DESERTO

Nello spettacolo di oggi, non mancheranno racconti ed aneddoti del suo diario di viaggio nel deserto. Più di 1.500 chilometri sulle rotte dell'Azalai, l'antica via commerciale che da Timbuctù conduce alle miniere di sale di Taoudeni attraverso il deserto del Mali. Avventura dalla quale è stato ricavato un libro, Azalai, millecinquecento chilometri a piedi nel deserto.

A DORSO DI CAMMELLO

«Racconterò questa esperienza molto particolare, nata in maniera casuale ma rivelatasi molto profonda. Mi sono proposto come garzone di un cammelliere e ho ammirato il vero cuore del Sahara. Le cose che ho sperimentato e che più ricordo sono il silenzio e il vuoto. Un viaggio prezioso - conclude l'artista - dal quale ho ricavato nuove idee e spunti».

SULLE ALI DELLE CICOgne

«Il tema della rassegna “Musica sulle ali delle cicogne” - evidenziano gli organizzatori - ispirato alle sonorità dei paesi del bacino del Mediterraneo sorvolati dalle cicogne nelle loro migrazioni tra Africa e Nord Europa, è dunque perfetto per un artista come Maver, che della world music ha fatto la sua nota caratteristica».

BIGLIETTI

Il concerto “Tracce d'Africa e dal deserto” avrà inizio stasera alle 21, ingresso 4 euro. —

MATTEO SBARBADA

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI