La rabbia dei sinti dopo il blitz "Soldi sprecati dalle istituzioni"

Dura reazione della comunità all’operazione anti-abusivismo: «Chiederemo alla Corte dei Conti quanto è stato speso». Otto gli indagati 

Il giorno dopo il blitz delle forze dell’ordine al Trincerone che ha visto nel mirino alcune famiglie nomadi, e non solo, per lottizzazioni abusive, il segretario dell’associazione Sucar Drom, Carlo Berini, si scaglia contro le istituzioni.

«Chiederemo alla Corte dei Conti di sapere quanto è stato speso per questa operazione che ha visto in campo più di 150 persone soltanto per notificare degli avvisi di abusi edilizi. Ho l’impressione - aggiunge amaro - che in un giorno si sia speso quanto in cinque anni si spende a Mantova per la mediazione culturale. Chiederemo un incontro con il procuratore capo Condorelli per capire che cosa stia succedendo». Un’idea, Berini, se l’è fatta: «Contro i sinti e i rom ci sono dei pregiudizi difficili da sconfiggere. Martedì abbiamo assistito a scene che mai avremmo voluto vedere. C’erano poliziotti ovunque, sono state bloccate delle vie pubbliche per cinque ore. Bambini e vecchi della nostra comunità erano sotto shock, e lo sono tuttora; una persona anziana è finita all’ospedale. Hanno buttato all’aria tutto alla ricerca di non so che cosa e, alla fine, non hanno trovato niente».

Nel frattempo, sul tavolo del procuratore ieri è arrivata la relazione sull’intera operazione effettuata martedì, assieme alla documentazione sequestrata (rogiti e materiale informatico) necessaria a comprovare il reato di lottizzazione abusiva. Le indagini, dunque, continuano. Il Comune, dal canto suo, ha avviato la procedura per confiscare gli otto lotti di terreno e le 24 strutture adibite ad abitazione, posti sotto sequestro e affidati alla custodia giudiziale degli stessi proprietari.

La comunità sinta è attonita ma reagirà, promette Berini. Già state preannunciate manifestazioni di protesta che, all’ultimo momento, sono state fermate dagli stessi organizzatori: «Le associazioni sinte e rom sono in agitazione - annuncia Berini - e già martedì  volevano venire a Mantova da tutt’Italia per manifestare contro l’emergenza abitativa che abbiamo qui. Abbiamo preferito indurre tutti alla calma. Ora ci riuniremo per definire la strategia da seguire». Berini assicura di non aver ancora pensato a quali iniziative adottare, «ma nulla è da escludere, potrebbe anche essere che occupiamo piazza Sordello in maniera permanente». Un punto tiene a precisare il segretario di Sucar drom: «I sinti non hanno ville né piscine».

E difende chi è stato indagato per lottizzazione abusiva: «Al Trincerone c’erano solo persone che hanno cercato di costruirsi un futuro fuori dal campo nomadi quando, a fine anni 80, la legge consentiva di tenere le roulotte su terreni agricoli. Nel 2005 la legge è cambiata, il Comune non ha applicato il condono edilizio e, per la prima volta, una legge è diventata retroattiva tanto che, otto anni dopo, ci considerano dei criminali. Ma noi non lo siamo».

La guida allo shopping del Gruppo Gedi