In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Moda a Palazzo Te: riflettori puntati sullo stylist

Antonio Mancinelli e Susanna Ausoni hanno parlato del loro nuovo libro che fa luce su questa professione

Paola Cortese
1 minuto di lettura

La misteriosa figura dello stylist svelata il 6 novembre nella sala dei Cavalli di Palazzo Te con il primo appuntamento del ciclo di incontri “Storie di moda e di costume” a cura di Abito. Grazie alla presentazione del libro “L’arte dello styling. Come raccontarsi attraverso i vestiti” scritto a quattro mani dal giornalista Antonio Mancinelli e dalla celebrity stylist Susanna Ausoni, moderati dallo storico della moda Michele Venturini, è stata fatta luce su una professione che, pur essendo sempre esistita, è ancora oggi quasi misconosciuta e, spesso, erroneamente confusa con quella dello stilista.

«Per questo è nato il libro, dall’esigenza di spiegare con un pensiero sintetico questa figura professionale, spesso nell’ombra, che dà un valore aggiunto alla moda, la interpreta e crea storie – ha affermato Mancinelli – Il volume permette di scoprire le origini, le tecniche, i processi creativi raccontati insieme a una delle più influenti stylist italiana».

L’incontro, introdotto da Italo Scaietta, si è svolto con una conversazione a tre, grazie al collegamento dell’autrice dalla sua stanza guardaroba. «Sono più a mio agio tra i vestiti che con le parole – ha confessato Susanna Ausoni, che vanta collaborazioni soprattutto in ambito musicale, da Mahmood a Cesare Cremonini, per il quale è venuta a Mantova in occasione della data zero del tour, e tanti altri cantanti di Sanremo tra cui La rappresentante di lista, Giusy Ferreri, Noemi, Elisa e Francesca Michielin – Nel libro abbiamo proposto una serie di biografie di stylist, che, nel corso degli anni, hanno decretato il successo degli stilisti dando un’impronta, con il loro gusto, ai personaggi che hanno vestito».

I commenti dei lettori