In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Castel Goffredo, il blues firmato da Pàstano fa brillare il cielo della Pastorius

Il chitarrista e produttore di Vasco Rossi sul palco del teatro San Luigi

1 minuto di lettura
vincenzo bruno copyright 

Ancora una volta a Castel Goffredo grazie a Mario Chiesa, chitarrista e direttore della locale scuola di musica Jaco Pastorius, arriva sul palco del teatro San Luigi la grande musica.

Un connubio, quello che da alcuni anni la Pastorius ha messo in campo, che vede grandi professionisti della musica nazionale e internazionale confrontarsi con i ragazzi e le ragazze della scuola, in sinergia con For Freedom Music sempre dello stesso Mario Chiesa e spesso, come anche in questo caso, con l’associazione “Il Musicante” di Soiano del Garda.

Sul palco del teatro castellano sabato sera è arrivato Vince Pàstano, chitarrista e produttore attuale di Vasco Rossi, e con alle spalle collaborazioni importanti con i grandi nomi della musica italiana (Luca Carboni, Lucio Dalla, Roy Paci, Eugenio Bennato, Fabri Fibra, Zibba, Pino Daniele e molti altri). A Castel Goffredo Pàstano è arrivato con il suo progetto “Noisebreakers”, band che lo vede impegnato con il cantante Tony Farina, Davide Barani al basso e Vincenzo Matozza alla batteria. In apertura della serata i ragazzi e le ragazze della Pastorius e del Musicante, che hanno sfoderato talento e professionalità. Poi, prima di Pàstano, c'è stato Laurelight (Lorenzo Chiarini) che ha presentato il nuovo singolo “Brighter Days”. Pàstano ha poi presentato una setlist blues davvero interessante, con brani dall’album “Noisebreakers” del 2021 e pezzi rock rivisitati in chiave blues, come Love is Blindness degli U2 (uno dei vertici della serata), Purple Haze di Hendrix, Black Dog dei Led Zeppelin, Alabama Train di Louisiana Red. «Una parte del ricavato del concerto verrà utilizzata per sostenere le spese della nuova sede del Centro polivalente culturale musicale La Musica che gira intorno - ha spiegato Chiesa - Si tratta di un progetto in cui crediamo molto perché promuove condivisione e inclusione, elementi per noi essenziali in qualsiasi percorso destinato a tutte le età».

I commenti dei lettori