In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

“Luce, ombra pittura”: in mostra in Ducale a Mantova le tele di Raffaele Cioffi

La rassegna fino al 31 dicembre negli spazi de “LaGalleria” Arte Contemporanea

Gilberto Scuderi
1 minuto di lettura

Al numero 40 di piazza Sordello (sotto il passaggio che va in piazza Lega Lombarda) “LaGalleria” Arte Contemporanea del Museo Nazionale di Palazzo Ducale ospita fino al 31 dicembre la mostra di Raffaele Cioffi “Luce Ombra Pittura” curata da Alberto Barranco di Valdivieso, inaugurata sabato 19 novembre con un open, senza presentazione: ottimo modo per evitare visite concentrate e favorire la libertà di movimento tra le 17 tele a olio che l’artista, nato a Desio nel 1971, espone nelle tre sale. Tra le tele, un video mostra Cioffi nel suo studio di Lissone alle prese con gli oli, ma anche con pastelli su carta.

Alcune delle tele bianche, ora dipinte ed esposte, sono state donate a Cioffi da Claudio Olivieri, scomparso nel 2019, una sua retrospettiva è stata ospitata l’anno scorso proprio dove ora Cioffi espone. Sembra un particolare di poco conto, ma il fatto che Cioffi lo abbia detto fa riflettere su come l’arte sia anche morale, tragga forza dai maestri amici.

La tela bianca rappresenta un passaggio da una mano all’altra. “Passaggi” si intitolano diverse opere di Cioffi, e altre “Soglia” (ogni soglia è un passaggio). La non presentazione della mostra (quante parole talvolta si sprecano alle presentazioni) è un’occasione di libertà incondizionata verso l’arte contemporanea, provvista di aspetti psicologici, insondati e insondabili molto più potenti rispetto all’arte antica o rinascimentale, se così è. Ma il contrasto è apparente. «È un’occasione di confronto con l’arte del passato, un’importante tradizione che dobbiamo conservare», ha detto Cioffi, che usa tecniche tradizionali in modo non tradizionale. Emblematico è il titolo della mostra, giocata sulla luce e l’ombra, su cui interviene la pittura, sul bianco della tela (il bianco è una somma di colori). Ingresso libero alla mostra: venerdì ore 15-18, sabato e domenica 10-13 e 14-18. L’8 dicembre 10-13 e 14-18. Nei giorni 27, 28, 29 e 30 dicembre 15-18. Il 31 dicembre 10-13 e 14-18.

I commenti dei lettori