In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

“Camera dei Giganti”: nasce un vino dal progetto tra Te e Villa Della Torre

L’iniziativa della cantina della Valpolicella di proprietà della famiglia Mastella Allegrini

Luca Ghirardini
1 minuto di lettura

La cultura e l’impresa sono in grado di sostenersi a vicenda, soprattutto quando hanno solidi punti di contatto. La collaborazione tra Fondazione Palazzo Te e Villa della Torre - cantina della Valpolicella di proprietà della famiglia Mastella Allegrini - si muove su questi binari e il 24 novembre, nella sala dei Cavalli della villa giuliesca, ha presentato il frutto di alcuni anni di lavoro. Un frutto in linea con la narrazione scelta per quest’anno dalla Fondazione: l’arte di vivere. E di godersi la vita. Sì, perché il risultato si chiama “Camera dei Giganti” (marchio registrato a livello europeo) ed è un vino nato dai vigneti che circondano la villa di Fumane, un Valpolicella Classico Superiore Doc 2020, con l’etichetta che riproduce l’affresco della volta di una delle sale più famose del Te.

A spiegare la genesi del progetto, direttore e presidente della Fondazione, Stefano Baia Curioni ed Enrico Voceri, la proprietaria di Villa Della Torre, Marilisa Allegrini, cavaliere del lavoro, e la figlia Caterina Mastella Allegrini, che della villa veronese è direttrice marketing.

Tutto nasce nel 2019, da una cena a Villa Della Torre, grazie a un contatto creato da Nicola Levoni. «Alla terza bottiglia di vino ogni proposta di collaborazione è diventata realtà» ha ricordato in modo scherzoso Baia Curioni. Una situazione confermata da Marilisa Allegrini, che ha acquistato Villa Della Torre nel 2008. Una villa costruita dall’omonima famiglia tra il ’400 e il ’500 in omaggio alla civiltà di Roma grazie al tocco di Giulio Romano: «Vogliamo riportare la villa agli antichi splendori, ma è difficile farlo senza alle spalle una realtà commerciale. D’altra parte, l’arte ispira l’impresa e l’impresa fa vivere l’arte».

La figlia Caterina ha spiegato la scelta del vino, curato dall’enologo Tobia Cenzato: «Abbiamo voluto un vino fresco e giovane, pronto da bere. E chi lo beve, magari, scopre i due palazzi e avvicina l’arte». Perché la Camera dei Giganti in etichetta fa subito pensare ai giganteschi camini con mascheroni di Villa Della Torre, ed anche il logo della collaborazione affianca i profili dei due palazzi.

“Camera dei Giganti” sarà prodotto in 1.400 bottiglie per formato 0,75 litri, 300 bottiglie magnum e 100 bottiglie Jeroboam. Sarà disponibile allo shop di Palazzo Te, nel wineshop interno a Villa Della Torre e online.

I commenti dei lettori