Mock Cop26, i ragazzi del clima alzano la voce: "Basta aspettare i leader politici, facciamo da soli"

(reuters)
Tra i temi in agenda ci sono la giustizia climatica, la formazione scolastica, sanità e salute mentale, i nuovi lavori ecosostenibili e gli obiettivi di riduzione del carbonio
2 minuti di lettura
Sono studenti, provengono da 118 Paesi e dal 19 novembre al primo dicembre si riuniranno online per mostrare al mondo cosa succederebbe se al Cop 26 fossero dei giovani attivisti a decidere gli interventi contro il cambiamento climatico. La Conferenza mondiale delle Nazioni unite sul clima, in programma a Glasgow dal 9 al 19 novembre, è stata rimandata causa pandemia e una ventina di ragazzi dei Fridays for Future inglesi, supportati dall’ente di beneficenza Students organizing for sustainability, ha chiamato a raccolta coetanei da ogni parte del globo per colmare il vuoto con l'evento su internet Mock Cop.

L’iniziativa riecheggia il Modul European parliament o le Modul United nations: delle simulazioni dei lavori dei grandi...

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori