Il 2020 ha cancellato le nubi blu dell'Antartide

Compaiono di solito in estate (al polo Sud è iniziata da una settimana) ma ancora non si vedono. Colpa della stratosfera che è molto più invernale di quel che dovrebbe essere a dicembre, spiegano gli scienziati
1 minuti di lettura

Le nubi blu elettrico che ogni estate illuminano e ricoprino il cielo dell'Antartide sono sparite. Almeno per ora. Sì, il 2020 sembra averle cancellate. La stagione estiva nel continente bianco è infatti cominciata ufficialmente da una settimana, ma le condizioni attuali nella zona superiore dell'atmosfera rispecchiano una situazione ancora invernale, come mostrano le immagini della Nasa, scattate la notte del 24 dicembre.

"Facendo il confronto con le immagini della vigilia di Natale del 2019, si può vedere che le nubi nottilucenti (questo il loro nome) sono quasi a zero quest'anno", segnala Cora Randall, dell'università del Colorado. Si tratta delle nubi terrestri che si trovano più in alto nel cielo e si formano quando il vapore acqueo estivo sale dai poli ai margini dello spazio. L'acqua si cristallizza intorno a granelli di polvere di detriti spaziali a circa 83 chilometri sopra la superficie terrestre, creando delle bellissime strutture blu elettrico, di solito visibili nel cielo australe da novembre a febbraio, e in quello boreale da maggio ad agosto.

Quest'anno però in Antartide, nella stratosfera (che è il secondo dei cinque strati in cui viene suddivisa l'atmosfera), sembra ancora inverno. Il vortice polare stratosferico (che agevola l'accumulo di aria fredda) dovrebbe andarsene in questo periodo, ma continua a incombere, bloccando le onde di gravità atmosferica che portano il vapore acqueo in alto. Senza questo però, le nubi blu elettrico non possono formarsi.

"La stratosfera dell'emisfero australe è molto insolita quest'anno. Il buco dell'ozono è insolitamente largo, i venti di questi zona hanno soffiato fino a poco fa nella direzione sbagliata e la stratosfera è molto più invernale di quel che dovrebbe essere a dicembre", continua Randall. Alla fine l'atmosfera entrerà in estate e le nubi blu elettrico illumineranno il cielo antartico, ma i ricercatori non sanno quando. Se non dovessero comparire solo per un'altra settimana, si romperebbero i precedenti record della loro bassa attività nell'emisfero meridionale.