Biodiversità

Galapagos, dopo 100 anni ricompare la tartaruga che si credeva estinta

Nel 2019 nell'isola di Fernandina prelevato il Dna di un animale: paragonato con quello di un rettile conservato si è accertato che è la Chelonoidis phantasticus, scomparsa da un secolo. Il ministro dell'Ambiente dell'Ecuador: "Notizia fantastica"
1 minuti di lettura

Il nuovo ministro dell'Ambiente dell'Ecuador, Gustavo Marique, lo annuncia su Twitter sottolineando che è una gran bella notizia: "La credevamo estinta da oltre cento anni, invece abbiamo la conferma che non lo è. La tartaruga Chelonoidis phantasticus è stata individuata alle Galápagos. Cominciare con così tante buone notizie il mio mandato è una bellissima coincidenza" Il ministro, in carica dallo scorso 17 maggio, termina con l'hashtag che ha lanciato per publicizzare il suo programma: "Insieme ce la faremo".

L'entusiasmo di Marique è giustificato dall'importanza economica che l'ecosistema delle Galàpagos ha per le finanze del Paese sudamericano: milioni di turisti ogni anno visitano le isole che furono alla base dell'elaborazione della teoria sull'evoluzione delle specie di Darwin. Per l'Ecuador, dunque, più che mai preservare l'ambiente è tra i primi obiettivi per far quadrare i bilanci dello Stato.

La certezza che si trattasse proprio della Chelonoidis phantasticus si è avuta attraverso la comparazione del Dna di una tartaruga trovata nel 2019 sull'isola di Fernandina con quello dell'ultimo esemplare della specie classificato alle Galapagos nel 1906. Gli esami sono stati effettuati da genetisti dell'università statunitense di Yale, che hanno prelevato il Dna della tartaruga creduta estinta e con quello conservato all'Accademia delle scienze della California.

Galapagos, Diego torna a casa: la tartaruga centenaria ha salvato la sua specie

La Chelonoidis phantasticus, endemica di Fernandina, è una delle 15 specie di tartaruga gigante dell'arcipelago vulcanico, due delle quali estinte, (la Chelonoidis spp dell'isola di Santa Fe, e la Chelonoidis abigdoni dell'isola di Pinta). A quest'ultima specie apparteneva "George il solitario", il maschio morto nel 2012 dopo i numerosi tentativi di farlo accoppiare con altre specie. 

Il direttore del parco delle Galapagos, Danny Rueda, commenta che il ritrovamento della tartaruga Chelonoidis phantasticus "rafforza la speranza di salvare questa specie e di evitarle il destino di George il solitario". Il governo dell'Ecuador allestirà nei prossimi mesi una spedizione scientifica nell'isola di Fernandina, alla ricerca di altri eventuali esemplari. Quello ritrovato nel 2019, una femmina, era stata scoperta tra la vegetazione che ricopre i fianchi del vulcano La Cumbre, uno dei più attivi del pianeta.

La nomina di Gustavo Marique a ministro dell'Ambiente sottolinea un rinnovato interesse dell'Ecuador per la conservazione e la salvaguardia degli ecosistemi, salvaguardia alla quale si stanno interessando anche star come Leonardo DiCaprio, che di recente, quando è crollata la formazione rocciosa detta "Arco di Darwin" ha annunciato di voler donare 43 milioni di dollari. Ingegnere agronomo, laureato all'Università Earth in Costa Rica, una delle istituzioni più prestigiose nell'ambito della conservazione, il neo ministro ha grande esperienza in imprese socio-ambientali e agricole e nella gestione di organizzazioni per la protezione dell'ambiente.

Galapagos, crolla l'arco di roccia dedicato a Charles Darwin: "Il colpevole? L'erosione"