Emergenza clima

In Nord Africa e Medioriente sempre più estati a 56° nei prossimi 50 anni

Una ricerca di Cyprus Institute, Max Planck Institute for Chemistry e Fondazione CMCC per la prima volta fornisce dati su un hot spot climatico. "Impatto devastante se non si agisce subito, le conseguenze ci saranno anche in Italia"
2 minuti di lettura

Proprio come per la biodiversità, anche per il monitoraggio dell'emergenza climatica ci sono degli "hot spot", zone sorvegliate speciali, dove gli effetti del cambiamento sono più evidenti e spesso più disastrosi. Proprio in uno di questi hot spot, il cosiddetto Mena, acronimo di Middle East e North Africa, cioè Medioriente e Maghreb, uno studio ha osservato che le estati diventano più calde con maggiore rapidità di quanto osservato nel resto del mondo e nei prossimi 50 anni temperature di 56° saranno quasi la norma.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori