Rinnovabili e archeologia

Puglia, sotto i pannelli solari una basilica di 1500 anni

(foto: European Energy) 
A Troia, in provincia di Foggia, scoperto e valorizzato un antico sito, grazie al supporto di un'azienda danese che ha installato un grande impianto fotovoltaico nelle immediate vicinanze
2 minuti di lettura

Le energie rinnovabili sostengono gli scavi archeologici: in Puglia scoperto e valorizzato un antico sito, grazie al supporto della società che ha installato un grande impianto fotovoltaico nelle immediate vicinanze. Succede a Troia, in provincia di Foggia, dove i lavori di scavo per riportare alla luce i resti di una basilica di 1.500 anni fa e di una necropoli dell’antica Daunia sono stati finanziati da European Energy, un’azienda danese specializzata in energie rinnovabili.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori