Il commento

Soldi dagli Usa e meno carbone dalla Cina: i grandi si muovono e la Cop26 ha più chance

(afp)
L'annuncio di Biden di raddoppiare il contributo ai Paesi in via di sviluppo per la transizione ecologica e quello di Xi dello stop a finanziamenti di impianti a energia fossile all'estero fanno ben sperare per le trattative di Glasgow
2 minuti di lettura

Proprio mentre montava l’onda del pessimismo, quando già attivisti, scienziati e analisti scuotevano il capo ritenendo sempre più probabile il fallimento della Cop26, la Conferenza Onu sul clima (dal primo a 12 novembre a Glasgow), ecco che due buone notizie sono arrivate a sorpresa dal Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite. Ad annunciarle sono stati i leader delle due nazioni più potenti, Stati Uniti e Cina, dalle cui decisioni dipendono gran parte dei nostri destini.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori