Energia
Dimitar Dilkoff/AFP via Getty Images 

Per fare una batteria ci vuole il legno. La cellulosa sfida gli ioni di litio

Nippon Paper vuole usare nanofibre ricavate dalla polpa di legno per creare supercondensatori più efficienti e con minore impatto ambientale. Ma secondo molti non sono e non saranno mai in grado di rivaleggiare con le batterie agli ioni di litio

2 minuti di lettura

Utilizzare gli alberi per sviluppare un successore delle batterie agli ioni di litio per auto elettriche. È l’obiettivo dell’azienda cartaria giapponese Nippon Paper, che vuole usare le nanofibre di cellulosa - materiali dalle dimensioni ridottissime, ricavati dalla raffinazione della polpa di legno - per creare dei supercondensatori che possano accumulare e rilasciare energia con maggiore efficienza e minore impatto ambientale rispetto alle batterie esistenti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori