Biodiversità

Danni agli ecosistemi e malattie, l'impatto delle specie aliene in Europa è devastante

Uno studio internazionale al quale ha partecipato l'Università La Sapienza di Roma sottolinea le ripercussioni dell'introduzione di mammiferi non autoctoni: "Problemi anche per la salute umana"
4 minuti di lettura

I mammiferi di specie non autoctone, introdotte in Europa da altri continenti, non sono soltanto una minaccia per la biodiversità: uno studio dei ricercatori dell'Università La Sapienza di Roma, in collaborazione con l'università di Vienna e quella di Lisbona, sottolinea ora che la presenza di specie aliene è una minaccia sanitaria, sia per gli animali, sia per l'uomo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori