In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
Biodiversità

Una base militare in Corsica custodisce prati di una rara orchidea

cc Margaux Julien (Ecotonia)
cc Margaux Julien (Ecotonia) 
Come una vera e propria area protetta, da sola contiene il 23% di tutte le specie di piante dell'isola
1 minuti di lettura

C'è una base militare in Corsica che è piena di fiori, al punto da sembrare sotto certi aspetti una sorta di area protetta. Contiene da sola circa il 23% di tutte le specie di piante dell'isola. Tra queste ne spicca una in particolare, perché solitamente considerata rara: è la Serapias neglecta. Prati di orchidea. Ne esistono, si stima, oltre 150mila rappresentanti.

Se ai più, forse, potrà sembrare strano trovare tanta abbondanza di specie botaniche all'interno di una base militare, per gli addetti ai lavori non lo è affatto. Anzi la scoperta della biodiversità della base aerea di Solenzara, nel Sud-Est della Corsica, non fa che confermare i motivi di interesse dei botanici per questi luoghi. Infatti, come aree chiuse al pubblico e non interessate dall'utilizzo di fertilizzanti, sono posti preziosi in termini di biodiversità, scrive il team dei ricercatori francesi che presenta la scoperta sulle pagine di Biodiversity Data Journal.

Le indagini dei ricercatori si sono concentrate dunque su questa base, un fazzoletto di terra largo 2 km e lungo poco più di 3. Qui dentro, riferiscono, hanno trovato un'enorme popolazione dell'orchidea S.neglecta, specie protetta dai fiori violacei, presente in Corsica, in alcune zone d'Italia (grosse isole comprese) e lungo alcune coste dell'Adriatico. Anche se, tra le oltre cinquecento totali di piante documentate nella zona (comprese specie invasive), sono state rinvenutealtre specie di orchidea, questa spicca in modo particolare. Proprio per il fatto, rimarcano gli autori, che si trova in poche zone nel mondo. Tra le altre specie degne di nota tra queste censite nell'area, gli esperti ricordano per esempio quattro protette e molto rare, come il Trifolium cernuum, la Gratiola officinalis, il Ranunculus lingua e l'Anemone coronaria.

Tutta questa ricchezza botanica, evidenziata dal censimento dei ricercatori, non è fine a se stessa. Potrebbe stimolare interventi di conservazione, magari cominciando a essere riconosciuta ufficialmente come area protetta. Fiori in una base militare: una bella immagine, specie di questi tempi.