Nuove soluzioni sostenibili per la mobilità condivisa

Nuove soluzioni sostenibili per la mobilità condivisa
La sharing mobility a due ruote attrae sempre di più, il mercato risponde positivamente. In crescita noleggi e acquisti
2 minuti di lettura

Nuova crescita per la mobilità condivisa. Superato lo shock pandemia, nel 2021 scooter, bike e monopattini in sharing hanno superato i valori del 2019. È quanto segnala l'Osservatorio nazionale sulla sharing mobility nel suo 5° Rapporto. In Italia sono 5.600.000 le iscrizioni ai servizi di mobilità condivisa, con 158 servizi di sharing attivi in 49 città (il triplo del 2015). Circa 15 milioni di italiani possono utilizzare almeno un servizio, con quasi 90mila veicoli in condivisione tra auto, scooter, bici e monopattini. Tuttavia, segnala il rapporto, le città dove sono presenti tutte e quattro le tipologie di veicoli con i relativi servizi di sharing sono solo quattro: Milano, Roma, Torino e Firenze. Tra il 2019 e il 2020 boom di monopattini (+65%) e scooter (+45%); la micromobilità oggi costituisce il 91% dei veicoli in condivisione. Si conferma marcata, sottolinea lo studio, la crescita dei noleggi giornalieri dei monopattini. La sfida per il futuro, segnala il rapporto, sarà aumentare la diffusione della sharing mobility.

Proprio nelle grandi città si sta affermando una mobilità alternativa che prevede l’utilizzo di modalità e mezzi diversi anche per affrontare un unico viaggio. Sono circa 8.000 gli scooter elettrici Askoll, azienda italiana leader nella produzione di  motori elettrici, che compongono le flotte dei principali operatori di e-scooter sharing in Italia e in alcune delle principali città europee. Un segmento che copre circa il 20% del giro d’affari dell’azienda e che prova l’alto potenziale di crescita del settore dell’e-mobility sharing. In questo scenario, il brand gioca un ruolo da protagonista sviluppando soluzioni di mobilità condivisa. Dallo scooter sharing alla bike sharing fino al nuovissimo il monopattino, la società rende il viaggio urbano agevole, economico, comodo e rispettoso dell'ambiente.

Fra i suoi prodotti, il monopattino SCOO3 è stato progettato per promuovere una forma di mobilità sicura, oltre che sostenibile. Facile da guidare, resistente e stabile, è dotato di 3 ruote antiforartura.  SCOO3 si differenzia dagli altri monopattini in sharing per essere stato progettato e prodotto utilizzando il know how Askoll proprio del settore automotive. E' un veicolo pensato per la strada, dotato di 3 ruote che lo rendono stabile, sicuro e alla portata di tutti. Monta inoltre un sistema basculante brevettato dall'azienda, che lo rende ulteriormente sicuro e agile.

Il valore aggiunto e differenziante di eBsharing, rispetto ad altre tipologie di sharing con biciclette a pedalata assistita, sta nella possibilità di una diversa gestione del servizio. La batteria asportabile da 80 Watt è completamente gestita dall’utente. Leggera, compatta, portatile, è pure multifunzionale: servirà sia per attivare eBsharing che per ricaricare smartphone e tablet. Maneggevoli e dal peso contenuto, gli scooter Askoll garantiscono versatilità, semplicità di utilizzo e affidabilità. Oltre alle versioni di serie, questi scooter possono essere personalizzati in base alle esigenze e alle richieste delle aziende, in modo da soddisfare la più ampia varietà di clienti e utilizzatori.

 

Fondato nel 1978 da Elio Marioni (attuale presidente), il Gruppo Askoll è leader nella produzione di motori elettrici dalla tecnologia innovativa per elettrodomestici e componenti tecnici per acquari e laghetti. I suoi veicoli, elettrici al 100%, sono progettati e prodotti in Italia, come la loro componentistica più sofisticata (batteria, centralina elettronica, motore). Anche l’automazione necessaria a produrre e testare i veicoli è disegnata e realizzata dall'azienda. Così come il design, rigorosamente Made in Italy. Tecnologia, sostenibilità, italianità.