Il giorno delle polpette, la festa (americana) del piatto più pop

Meatballs, le polpette di carne - di solito al sugo di pomodoro - sono così amate negli Stati Uniti da avere una giornata nazionale che si celebra il 9 marzo. Seguici anche su Facebook
3 minuti di lettura
Quelle che più siamo abituati a pensare negli Stati Uniti sono le enormi polpette al sugo che finiscono a condire gli "Spaghetti meatballs", evoluzione oltreoceano dei maccheroni alla chitarra con polpettine, di origine abruzzese, in cui le dimensioni delle polpette sono cresciute con l'aumentare del benessere acquisito da chi emigrava.
Ma gli americani vanno pazzi per le polpette unite al pomodoro in molte altre forme. Per esempio, adorano guarnire la pizza con meatballs e farcire panini. Il "meatballs sub", è un sandwich molto popolare nei buffet alle feste con gli amici e merende per ragazzi. E senza dubbio appetitoso.

Negli States la polpetta ha addirittura un suo giorno in cui la si celebra, a casa, o più di frequente nei locali che organizzano serata dedicate.
Anche in Italia la preparazione a base di carne macinata, che finisce fritta o al sugo, è particolarmente apprezzata e ogni famiglia ha la propria ricetta delle polpette "come le faceva nonna", ma non fanno eccezione altre aree del mondo.

Ecco per esempio le frikadeller danesi con carne suina e spezie, le Kufteh Tabrizi iraniane di carne e riso, le albondigas spagnole, le kofte turche di agnello (dalla forma allungata servite su stecco), le hanbagu giapponesi, le Bitterballen dei Paesi Bassi, le Faggots scozzesi e così via. 
Qualunque sia il nome nelle diversi parti del mondo, carne sminuzzata, erbe aromatiche, spezie a una parte di cereali (pane, pangrattato, riso, farine) finiscono fritte o nella salsa in gustose palline. 

 Ecco alcune idee per tre polpette: di carne, di pesce, vegetariane.
1. Polpette di arrosto o bollito
Buttare via la carne avanzata è proprio un peccato, ecco allora come riutilizzare gli avanzi di un pasto precedente.
Ipotizzando una rimanenza di circa 300 g di carne, occorrono 3 patate, 2 uova, 50 g di parmigiano grattugiato, 100 g di mortadella, 1 fetta di pane, un po' di latte, sale e pepe, timo e prezzemolosi

Preparazione: si sbucciano tre patate farinose e si lessano in acqua salata. Inzuppiamo la mollica di una fetta di pane nel latte. Tritiamo finemente la carne. In una zuppiera mescoliamo la carne con 2 uova intere, 50 g di parmigiano grattato e 100 g di mortadella tritata. Saliamo e pepiamo, aggiungiamo foglioline di timo, prezzemolo, aglio tritato e mescoliamo il tutto. Quindi strizziamo la mollica di pane e la aggiungiamo all’impasto. Passiamo le patate al passatutto e le aggiungiamo all’impasto amalgamando bene il tutto. Lavoriamo un po’ l’impasto con le mani ricavando delle polpette della grandezza di un piccolo pugno e le passiamo nella farina o nel pangrattato. Scaldiamo l’olio in una padella e rosoliamo le polpette. Infine si scolano e si adagiano su un foglio di carta assorbente.

2. Polpette di tonno e salmone
120 g di tonno in scatola,  70 g di mollica di pane raffermo, 80 g di zucchine, 2 uova, 50 g salmone affumicato, 10 olive nere di Gaeta,
10 capperi, 1 ciuffetto di prezzemolo, erba cipollina, semi di sesamo bianche e neri per la panatura

Preparazione: mixate il tonno con i capperi, le olive nere e le zucchine precedentemente scottate e e strizzate. Raccogliete il composto in una ciotola e aggiungete le uova, la mollica (basta sminuzzarla, non occorre bagnarla perché assorbirà "l'umidità" del composto), il prezzemolo e l'erba cipollina tritati e amalgamate. Formate le polpette e aggiungete all'interno di ciascuna un piccolo ripieno di salmone affumicato.
Passatele nei semi di sesamo. Scaldate 3-4 cucchiai di olio di oliva in una padella, unite le polpette e fatele rosolare in modo uniforme per qualche minuto, girandole delicatamente. Servitele accompagnate da yogurt greco.

3. Polpette vegetariane di ceci al curry
4 patate, 350 g di ceci secchi, 1 cipolla, curry in polvere, 1 rametto di timo, prezzemolo, pangrattato, 40 g di formaggio parmigiano grattugiato,
1 foglia di alloro, 1 spicchio di aglio, 5 cucchiai olio extravergine d'oliva, sale e pepe

Preparazione: mettete i ceci a bagno in acqua fredda per 12 ore. Trascorso questo tempo, risciacquateli con cura, poneteli in una pentola con abbondante acqua salata, 1 foglia di alloro e 1 spicchio d'aglio sbucciato, fate cuocere per 2 ore e quindi scolateli.
Lavate le patate e lessatele in acqua bollente per 40 minuti. Nel frattempo, sfogliate la cipolla, tritatela e fatela soffriggere in una padella con 2 cucchiai d'olio per 5 minuti, quindi unite i ceci, il curry, una presa di sale e una macinata di pepe e lasciate insaporire a fiamma moderata per 15 minuti, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno e schiacciando i ceci.
Sbucciate le patate e passatele al passaverdura con i ceci, ottenendo una purea che raccoglierete in una terrina. Regolate di sale e di pepe, unite le erbe aromatiche tritate e 3 cucchiai di pangrattato e amalgamate tutti gli ingredienti impastando con le mani. Mettete del pangrattato su un piatto piano e mescolatelo con il parmigiano. Formate delle polpette abbastanza grandi con il composto preparato e passatele nel pangrattato.
Scaldate il restante olio in una padella capiente e, quando sarà ben caldo, fatevi rosolare le polpette. Quando il lato a contatto con il fuoco sarà ben dorato, voltatele delicatamente per dorarle anche dall'altro lato. Servitele calde o fredde, a piacere, accompagnandole con un'insalata mista fresca.