Giardiniera fatta in casa: ecco gli errori da evitare grazie ai suggerimenti d'autore

Da Matteo Baronetto a Caterina Ceraudo, passando per molti altri cuochi, un viaggio nelle cucine stellate per carpire i segreti di una delle conserve più amate
4 minuti di lettura

Il nome giardiniera evoca certamente qualcosa di contadino e che ha che fare con ortaggi colorati, dici giardiniera e senti subito il sapore agrodolce e immagini i colori delle verdure in estate. Un buon esercizio di autoproduzione, più facile di quel che si pensi, con potenzialità infinite quando – mesi dopo – si apriranno i vasetti per essere gustati come aperitivo, per arricchire un crostino o un’insalata, condire una pasta fredda, accompagnare un secondo di carne.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori