La Trieste da bere durante la Barcolana: calice in mano e sguardo verso il mare

Un itinerario di confine per scoprire la città nei giorni della più grande regata del mondo: dalle vinerie ai cocktail bar, passando per i caffè storici
4 minuti di lettura

La regina dell'Italia del confine, la città della Bora e degli specchi meravigliosi del grande palazzo. La città malinconica e poetica che ha dato i natali a Italo Svevo e fatto innamorare James Joyce. Intellettuale e un po' indolente, flagellata dal vento, stoica e romantica Trieste è una delle perle del nord-est del nostro Paese. "A Trieste ove son tristezze molte // e bellezze di cielo e di contrada // c’è un’erta che si chiama Via del Monte // Incomincia con una sinagoga // e termina ad un chiostro" cantava un altro suo figlio più che celebre, Umberto Saba, pennellandola con poche, pochissime come suo solito, parole.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori