Il New York Times stronca l'Eleven Madison Park diventato vegano: "Barbabietole che sanno di spinelli e detersivi"

 Lo chef Daniel Humm 
Pete Wells, critico del quotidiano, boccia pesantemente il ristorante tristellato, che a giugno aveva annunciato la svolta vegetale: era più bravo con le verdure prima
2 minuti di lettura

NEW YORK. “Il lusso non sono più foie gras o caviale”. Così Daniel Humm presentava lo scorso giugno l’attesissima esperienza gastronomica completamente vegetale del suo Eleven Madison Park, tre stelle Michelin nel 2018 e miglior ristorante del mondo nel 2017. La versione vegana del menu da 10 portate a 335 dollari, introdotta dopo i 15 mesi di pausa pandemica, è stata motivata da ragioni etiche e ambientali: “L’attuale sistema alimentare semplicemente non è sostenibile, in tanti modi”, diceva lo chef di origine svizzera annunciando di aver completamente bandito dai suoi piatti carne e pesce.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori