Nuovi locali tra pizza, griglia e brunch, il cambio di passo di Eataly

Sotto la guida dello chef Enrico Panero a Milano al via "Pianodue", aperto tutto il giorno, e a Torino "Giù da Guido", con 3500 etichette di vino
1 minuti di lettura

Al secondo piano di Eataly a Milano c’è una novità. A salirci sembra un po’ di entrare nel bar di Friends, tra muratura a vista, salotti casual, piante che scendono e tanti tavoli dove fermarsi dal brunch allo spuntino, alla cena. Il tutto alle porte del Viva, il ristorante stellato di Viviana Varese. Il Pianodue ha in menù i bocconi, come frittelle, robiola, acciughe, hummus, tigelle e mondeghili, le pizze al padellino, le farinate e le paste con funghi, cime di rape, frutti di mare e astice. Nel menu autunnale, che viene festeggiato giovedì sera con il concerto degli Elephant Claps, fanno capolino uovo, taleggio e tartufo e la faraona con zucca e castagne. Dal banco del fresco arrivano la cruda e la costata arrosto di Fassona, nonché il guazzetto di baccalà, cozze totani e gamberi in crosta di pane. Insomma, piatti di stagione che fanno sentire a casa.

A guidare il cambio di passo qui come in tutti i ristoranti di Eataly è Enrico Panero, classe 1987, di Savigliano (Cuneo), con esperienze da Pinocchio a Borgomanero, da Aimo e Nadia a Milano e da Ugo Alciati al Guido di Pollenzo: "Gli agnolotti al plin di Lidia non si dimenticano". Dopo il Guido per Eataly Casa vicina di Torino, va a Eataly Tokyo e New York, da Mark Ladner a Manhattan e da Victor Arguinzoniz all’Asador Extebarri vicino Bilbao, non a caso propone spesso in menù questa carne e inaugurerà nel nuovo Eataly di Londra a Liverpool street un ristorante chiamato Brace, anche se fa fatica a trovare il personale adatto a causa della Brexit. Pure a Roma ha riaperto Terra con una griglia di tre metri alimentata dal carbone vergine di leccio della Calabria. Proprio lì il 25 novembre ci sarà lo chef sudamericano Roy Caceres ed il 2 dicembre il giapponese Hirohiko Shoda. Appuntamenti speciali legati sempre alla brace.

A Eataly Torino invece, dopo il trasferimento di Casa vicina da Green Pea, sta per aprire Giù da Guido: "Un posto per le chiacchiere con 3.500 etichette di vino disponibili e antipastini firmati Alciati". Mentre in tutti gli Eataly dal 18 al 24 ottobre le pizzerie festeggiano la settimana della pizza, da quella alla pala al padellino, dalla sottile alla napoletana. Tra i maestri pizzaioli in programma ci sono Renata Sitko di Villa Giovanna (Ottaviano, Napoli), Enrico Murdocco di Tellia (Torino) e Corrado Scaglione di Lipen (Triuggio, Monza Brianza). La pizza, in tutte le sue varietà, è una delle strategie adottate da Eataly per dialogare con un pubblico giovane e alla moda, così come a Milano è in programma l’apertura di un angolo del Crudo al primo piano vicino alla pescheria.