Antonio Galloni: "Il Barolo, con i Borgogna, è il vino più amato al mondo: vi spiego perché"

Antonio Galloni al Castello Grinzane Cavour 
Alla vigilia di Barolo En Primeur, parla a Il Gusto uno dei critici più importanti del mondo: "Non c'è altra zona in Italia che riesce a esprimere così bene il territorio e l'artigianalità della viticoltura"
6 minuti di lettura

Il Barolo sul palcoscenico internazionale, con decine di collezionisti mondiali pronti a "lottare" per aggiudicarsi bottiglie prestigiose, annata 2020, pronte a (ri)scrivere la storia. È questo il futuro di un vino antico, il Barolo, le cui radici si intrecciano alla storia di Italia e di Camillo Benso Conte di Cavour, e il cui orizzonte appare sempre più luccicante.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori