Carlo Petrini: il cibo determina il destino delle nazioni

Carlo Petrini 
Il maestro della gastronomia moderna, Jean Anthelme Brillat-Savarin, lo teorizzò nelle sue opere all'inizio dell'Ottocento anticipando il concetto di sovranità alimentare
3 minuti di lettura

Tutti voi che a vario titolo leggete queste pagine siete coinvolti nel campo della gastronomia. Chi per lavoro o professione, chi per motivi di studio e altri per pura passione. Le scienze gastronomiche, quindi, fanno parte della nostra vita. In generale possiamo dire che l’intera umanità “in quanto ella si nutre” si confronta quotidianamente con la gastronomia.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori