Maurizio Savini, i chewing gum e l'arte da mangiare

Sfamarsi guardando un'opera dell'intelletto. L'artista romano: "Ho deciso di provare con la gomma da masticare perché reagisce bene alla manipolazione e mi consente di esprimere al meglio la mia creatività" VIDEO
3 minuti di lettura

La sua arte profuma di fragola. Perché il materiale che ha scelto di adoperare per dare vita alle sue emozioni, è il chewing gum. Chili e chili di Big Babol, l'iconica gomma da masticare osannata negli anni Ottanta, plasmano figure inquiete che catturano l'occhio di chi guarda grazie al contrasto tra un universo apparentemente fiabesco, popolato da asinelli, gorilla, coccodrilli, grandi sagome umane e la potenza della delusione che è parte integrante della natura.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori