Turismo in Italia, un piano di rilancio da 52 milioni di euro che parte dal cibo

Bebe Vio testimonial della campagna
Bebe Vio testimonial della campagna 
Nel progetto triennale di Enit, in collaborazione con il ministero, l'accento sulle eccellenze enogastronomiche, partnership con Eurovision e Giro d'Italia, testimonial come Bottura e Bebe Vio. L'ad Roberta Garibaldi: "Il visitatore è uno stakeholder del luogo che opera in armonia con il territorio"
2 minuti di lettura

MILANO. L’Italia turistica riparte e lo fa puntando forte sull’offerta gastronomica Made in Italy. Questo l’obiettivo di Enit (agenzia nazionale per il turismo) che ha messo in campo, in collaborazione con il ministero del Turismo, un piano di rilancio dell’immagine del nostro Paese all’estero. E per farlo ha scelto di mettere in evidenza le eccellenze della cucina della Penisola all’interno di un piano di promozione da 52 milioni di euro.