Venezia brinda al nuovo vino

A Venezia torna "Wine in Venice"
A Venezia torna "Wine in Venice" 
Dal 28 al 30 gennaio 2023 torna "Wine in Venice": talk show, incontri e degustazioni di etichette per confrontarsi su sostenibilità, etica e innovazione
1 minuti di lettura

Il vino, colonna portante dell’economia italiana. Forse non l’unica, ma sicuramente una delle più floride. Vino, colonna portante non solo dell’economia del nostro Paese, ma anche e soprattutto del nostro tessuto sociale fatto di persone, aziende, professionalità. Vino e società insomma, un binomio  su cui sempre di più negli ultimi anni si sta puntando. E su cui si baserà anche “Wine in Venice”, il nuovo grande evento dedicato al vino che avrà luogo a Venezia dal 28 al 30 gennaio 2023 con il Gusto come partner.

 

Presentato nei giorni scorsi e ideato da Winetales, Beacon, Venezia Unica e WineHo è stato pensato come un polo che possa accentrare realtà produttive e soprattutto parole e programmi per il futuro. Tutto attraverso degustazioni ed eventi ma soprattutto tanti momenti di approfondimento e confronto.

Tre i temi fondamentali attorno a cui verteranno talk show e panel su cui si confronteranno gli esperti: sostenibilità, innovazione ed etica.

 

Tutto in due sedi simboliche: Ca’ Vendramin Calergi e La Scuola Grande della Misericordia. Un nuovo impegno che vede la Serenissima sempre più attiva nel settore della promozione enogastronomica, come sottolineato anche da Simone Venturini, assessore al Turismo: «Venezia è onorata di ospitare la prima edizione di un evento che parla di natura, sostenibilità e ultime tecnologie applicate al mondo del vino. Per tre giorni la nostra città diventerà punto di riferimento di un importante settore economico e culturale del nostro Paese. Un modo per iniziare il nuovo anno con il piede giusto».

"Wine in Venice" sarà ospitato in eleganti palazzi
"Wine in Venice" sarà ospitato in eleganti palazzi 

Parlare di qualità significa parlare di contenuti. A partire dalla sostenibilità, un tema «che non è più una scelta di posizionamento, ma una necessità», passando per l’innovazione che è «il rischio necessario per la crescita» e finendo sul fondamentale concetto di etica. L’unica possibile, ovvero l’etica sociale che significa «trattare le persone come vorremmo che loro ci trattassero» conclude l’assessore.

 

Un argomento più che mai attuale. Molte le attività in questo senso, tra le più interessanti la Wine Wild Card, che permetterà a una selezione di piccoli produttori artigiani, dai valori in linea con la manifestazione, di partecipare gratuitamente, in modo da potersi esprimere e raccontare ad alti livelli.

 

Nello stesso solco, ovvero quello che punta alla valorizzazione umana delle storie imprenditoriali, si inserisce uno dei momenti più importanti: il premio Export Italia di Uniexport Manager, che andrà a valorizzare le storie di esportazioni di successo delle piccole e medie imprese, «in quanto utili ad altre aziende ancora non esportatrici alla ricerca di una strategia e di un modello al quale ispirarsi».

 

Un calendario di appuntamenti importante e ancora in crescita, a cui la magia di Venezia darà tutto il suo supporto.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito