In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Da Bologna all'Italia intera: così la pasta è fresca per tutti

Da Bologna all'Italia intera: così la pasta è fresca per tutti
2 minuti di lettura

È tutta una questione di tradizione, di competenza e di esperienza che si tramandano di generazione in generazione. Non solo nelle case dei bolognesi, ma anche nei pastifici che ben rappresentano la maestria artigiana che serve nel preparare il prodotto principe della cucina bolognese, la pasta fresca. Bologna, lo abbiamo visto anche di persona e di recente a il Festival de Il Gusto, è la città gastronomica italiana per eccellenza. È passione, è accoglienza.

A pochi chilometri dal centro di Bologna, c'è a Minerbio, un pastificio creato da tre amici diventati poi anche soci, che punta tutto sulla gratificazione. Si chiama infatti Gratifico – L’Arte della Pasta di Bologna il pastificio nato dalla volontà e dalla maestria di Silvano Bellei, Silvano Galici e Alessandro Ritelli. Per loro la cucina tradizionale bolognese è cultura, competenza ed esperienza. Ma anche emozione: e raggiungere il cuore delle persone è il loro obiettivo. Tentano di farlo attraverso ricette tradizionali e rivisitate.

Così producono il miglior tortellino pastorizzato di Bologna nella categoria pasta fresca: riconoscimento ricevuto dalla Confraternita dello “Gnocco D’Oro” nel 2019. Ma anche pasta lunga, con sfoglia ruvida e corposa, perfetta per raccogliere alla perfezione il sugo con cui viene condita. Basta pensare alle tagliatelle al ragù o alle pappardelle ai funghi. Ma anche garganelli e gramigna paglia e fieno. Pasta ripiena come tortellini e tortelloni, o i balanzoni che a Bologna si chiamano anche tortelli matti.

E per non dimenticare gli ingredienti della tradizione, a Gratifico – L’arte della pasta di Bologna hanno deciso di riportare in auge l’ortica. Pianta tipica della tradizione bolognese, l’ortica regala un bellissimo colore verde alla sfoglia e un sapore unico al palato. Dalla pasta all’ortica nascono così gli Ortichini (Tortellini all’ortica), gli Orticoni (Tortelloni all’ortica) e le Ortichelle (Tagliatelle all’ortica).

Altra caratteristica di Gratifico è l'attenzione maniacale a tutti gli ingredienti e alle materie prime. La sua sfoglia è ruvida e realizzata con uova di galline allevate a terra, mentre sapori e odori delle materie prime rimangono inalterati. C’è ovviamente grande attenzione anche al ripieno, dove vengono utilizzati ingredienti di qualità come il Parmigiano Reggiano DOP e la tradizionale mortadella prodotta nella Città di Bologna. Tutte le materie prime, infatti, vengono lavorate da fresche all’interno del pastificio per esaltare ogni singolo gusto e sapore.

Un'attenzione che è anche fiducia, conoscenza personale di ogni produttore degli ingredienti che lavora: questo vuol dire che da Gratifico si ha sempre ben chiara ogni caratteristica - e la storia - delle materie prime che si stanno utilizzando. Questo discorso vale in primis, ad esempio, per il Parmigiano Reggiano DOP stagionato 30 mesi - prodotto fondamentale per Gratifico perché presente nella maggior parte delle paste. L’azienda è infatti convenzionata con il Consorzio di Tutela del Parmigiano Reggiano DOP.

Ma non è tutto. Gratifico si serve anche di tecnologie italiane esclusive e di ultima generazione per raggiungere e mantenere un elevato livello di igiene e lunghi tempi di conservazione. Stesso discorso per il costante “controllo qualità”, tassello fondamentale del pastificio: è infatti presente un addetto che verifica ogni giorno le percentuali di ingredienti all’interno di ciascun prodotto, con l’obiettivo di garantirne e certificarne le proprietà.

Gratifico – L’arte della pasta di Bologna è a Minerbio, in Via Mattei 6/A, ma anche nelle botteghe gourmet di tutta Italia o nello shop online.

Per saperne di più, visita il sito.