Il calcio, il saggio Sarri e il sacrilego Ringhio

Maurizio Sarri non piace alla Congrega dei Pindari, quella degli ex giocatori che quando fanno domande premettono sempre «noi che abbiamo giocato lo sappiamo». Non piace perché è uomo che si è guadagnato tutto. Che non ha paura, in un mondo che non si schiera mai, a dire cosa pensa. Il contrario di Rino Gattuso e di quei sacrileghi che l’han messo sulla panchina di Rocco, Liedholm, Sacchi, Capello e Ancelotti...

Crespelle di ceci con carciofi e ricotta

Casa di Vita