Il rischio sconfitta agita i "partiti del capo"