Nella crisi post-elettorale il divario tra la scuola del presidente e la classe dei dirigenti