G7. Sono le contraddizioni a favorire Russia e Cina