Così curve e contrappesi turbano il disegno sovranista