In Parlamento meno non significa per forza meglio