Emanuele, lo sportivo ucciso a 34 anni dal virus

L’autopsia conferma: era sano, non aveva altre patologie. E’ la più giovane vittima del Lazio. Allarme tra i colleghi del call center dove lavorava.