Basta file e bolli, da domani i certificati anagrafici sono disponibili online gratis: come funziona e dove scaricarli

Il ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta: «Oggi si raccolgono i frutti di anni di lavoro, nel segno della digitalizzazione e della semplificazione». Il primo a scaricarli è stato il Capo dello Stato Mattarella

Rivoluzione nella Pubblica amministrazione: da domani ben 14 tipologie d certificati anagrafici saranno disponibili online, gratis, senza necessità di code agli sportelli né di pagare bolli. Il primo a scaricarlo? Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che lo ha avuto in anteprima oggi. Si chiama Anpr il progetto del Ministero dell'Interno – la cui realizzazione è affidata a Sogei e di cui è titolare il Dipartimento per la trasformazione digitale - che raccoglie i dati del 98% della popolazione italiana con 7808 comuni già subentrati e i restanti in via di subentro. L 'Anagrafe nazionale oltre ai 59 milioni di residenti in Italia (sarà ultimata nel corso del 2021) include anche 5,7 milioni di persone dell'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE). Sul portale è, inoltre, possibile monitorare l'avanzamento del processo di adesione da parte dei Comuni italiani.

Dove scaricare i certificati
Basterà accedere alla piattaforma www.anagrafenazionale.interno.it, disponibile anche attraverso l'indirizzo www.anagrafenazionale.gov.it, con la propria identità digitale (Spid, Carta d'Identità Elettronica, Cns) e seguire la procedura. Un bel risparmio di tempo e di soldi per chi, per qualsiasi pratica burocratica, avrà bisogno di uno o più certificati, anche per un membro della propria famiglia.

Cosa propone il nuovo servizio online
Il servizio consente la visione dell'anteprima del documento per verificare la correttezza dei dati e di poterlo scaricare in formato “.pdf” o riceverlo via mail all’inidirizzo indicato. Nei prossimi mesi dovrebbero essere disponibili anche altri tipi di certificati.

Cosa si può scaricare nel dettaglio
Con lo sportello digitale si potranno ottenere i certificati di nascita, di matrimonio, di Cittadinanza, di Esistenza in vita, di Residenza; di Residenza Aire, di Stato civile, di Stato di famiglia, di Residenza in convivenza, di Stato di famiglia AIRE, di Stato di famiglia con rapporti di parentela, di Stato Libero, Anagrafico di Unione Civile, di Contratto di Convivenza.

Il ministro Brunetta: «Raccogliamo i frutti di anni di lavoro». L’assoutenti: «Ancora tanti senza Spid»
«Oggi si raccolgono i frutti di anni di lavoro, nel segno della digitalizzazione e della semplificazione» dice il ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta. Assoutenti lancia l'allarme: «Sono ancora moltissimi i cittadini che, allo stato attuale, non dispongono di identità digitale, e che quindi sono esclusi da una serie di servizi per i quali è indispensabile lo Spid» si legge in una nota. E il Codacons chiede che lo Spid sia riconosciuto gratuitamente agli utenti, specie per venire incontro alle fasce più deboli.

Video del giorno

Metropolis/9, Castelli: "Ecco quanto metteremo contro il caro bollette e i ristori in arrivo"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi