Omicron, Anna Teresa Palamara: “Finora nessun caso grave, con i richiami possiamo fermarla”

La responsabile del dipartimento malattie infettive dell’Iss: «Contagiati per lo più asintomatici, i primi dati in arrivo dal Sudafrica sono incoraggianti. La terza dose sarà decisiva per mantenere l’efficacia del vaccino»

E se Omicron, che ha gettato nel panico Borse e capi di governo, fosse invece il segnale che il virus sta diventando meno pericoloso? «Al momento i casi che si sono registrati sembrano per lo più caratterizzati da sintomi lievi, ma per ora non disponiamo di elementi tali da fare previsioni sulla sua patogenicità. Tutti i virus tendono ad adattarsi al loro ospite, ma non possiamo sapere quando questo avverrà, serve tempo e studio per capire», afferma accendendo una luce di speranza Anna Teresa Palamara, capo del dipartimento malattie infettive dell’Iss che sta studiando la nuova variante.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, prima votazione per il Quirinale a Montecitorio: diretta

La guida allo shopping del Gruppo Gedi