Iss: “I non vaccinati rischiano 16 volte di più di finire in terapia intensiva. In 2 settimane 40 mila casi under 19”

Il 51% delle infezioni rilevate in età scolare è tra 6 e 11 anni. Cauda (Gemelli): «Per  ampliare la trasmissione il virus sfrutta il maggior numero di contatti dei giovani». Dopo 5 mesi la protezione del vaccino passa dal 75% al 44%

ROMA. «Per un non vaccinato, rispetto a un vaccinato da meno di 5 mesi, il rischio è 10 volte maggiore di ricovero, 16 volte maggiore di terapia intensiva e 9 volte maggiore di morte». A quantificarlo è l'Istituto superiore di sanità nel report settimanale esteso su Covid-19. Negli ultimi 30 giorni in Italia, rileva l'Iss, «si osserva una maggiore incidenza di casi diagnosticati nella popolazione non vaccinata». Dopo

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori

Video del giorno

Metropolis/10 - Nuovo Cinema Quirinale. Con Andrea Costa, Michele Emiliano (l'integrale)

La guida allo shopping del Gruppo Gedi